Servizi
Contatti

Eventi


È uscita nel mese di luglio di quest'anno, per i caratteri della PortoFranco Edizioni Donne Verso, un'antologia che raccoglie la voce di ben 40 poetesse e ch'è stata curata magnificamente da Angelo Lippo, direttore della rivista PortoFranco, che coniuga la sensibilità del poeta alla maestria dell'organizzatore.

Dopo un'interessante introduzione dello stesso Lippo, troviamo un approfondito e colto intervento di Dante Maffia sulla poesia al femminile del nostro secolo. L'autore mette in risalto il moltiplicarsi delle donne-poeta e la loro importanza nel mondo letterario italiano. Il Maffia ci tiene inoltre a evidenziare che la parola poetica non ha sesso e che la poesia è tale quando la lingua che la pronuncia tocca e fa vibrare le corde più profonde dell'animo umano e non importa che la voce appartenga all'uomo, alla donna, all'omosessuale.

Segue un significativo, quando rapido excursus attraverso l'avventura poetica delle più rappresentative autrici italiane del nostro secolo di Plinio Perilli che ci presenta, come in una sequenza filmica: Ada Negri, Sibilla Aleramo, Antonia Pozzi, Daria Menicanti, Fernanda Romagnoli, Margherita Guidacci, Cristina Campo, Amelia Rosselli. Inizia, quindi la presentazione delle poetesse antologizzate e in questo coro di voci ben intonate ricche di fremiti poetici sono rappresentate quasi tutte le regioni della nostra penisola. Mariella Bettarini dal linguaggio nuovo, fluido, ricco di significati reconditi, carico di una pacata ansia di riferire; Maria Biscetti: voce serena che nelle cose trova la sostanza del suo dire; Caterina Camporesi dal discorrere lieve, sognante, dove si avverte il passare del tempo sulla fragilità della vita; Laura De Carli dalla parola nuda che incide la pagina e ne fa scaturire un lucido pensare; Ada De Judibus Lisena il cui verso, mentre ti solleva in uno spazio di memoria e sogno, ti mostra il palcoscenico dove si svolge il gioco della vita; Enrica Di Giorgi Lombardo: la lira eolica vibra e risuona nel suo verso armonioso, la parola carica di humus mediterraneo ti prende e ti trasporta per sentieri di un antico canto con pause e ritmi moderni; Ninnj Di Stefano Busà nella cui voce si trovano echi di quella musica che accorda il verso di Quasimodo, colori e profumi di una Sicilia mai dimenticata; Anna Maria Giancarli: un pensare che sceglie la parola nel profondo dell'anima e la depone, carica di memoria e d'amore, sopra un foglio aperto nel futuro; di Anna Marinelli mi preme dire dello sguardo aperto negli spazi infiniti, dove si perde l'onda della vita e poi ritorna, per un atto d'amore sulla terra; Rita Marinò Campo dal verso largo dove il pensiero si misura con l'eterno raccogliendo frammenti di creato; Rosalba Masone Beltrame: un poetare che trova nelle idee la sua forza e nei "neri colombi" del presente vede un volo verso un nuovo giorno; Elena Milesi: la parola giocata chiude nel suo centro, ricco di terra e cielo, il dolore e la gioia dell'esistere; Graziella Parra: un cantare sereno, un ritmo largo con brio, una voce sicura alzano arcobaleni di ricordi; Angela Pensato: voce piena di profumi e di colori innamorata del giorno in cui s'innalza; Laura Perdicchi: nel cui verso si diletta amore, corre e s'infiamma in continua danza con la vita; Maria Teresa Santalucia Scibona: una poesia che s'insinua nei meandri dell'esistere, ne raccoglie i sussulti e li racconta; Anna Santoliquido ci regala un verso dove il reale fa da scala al pensiero che s'inerpica in volute d'immagini verso gli alti orizzonti della fantasia; Innocenza Scerotta Samà: un sentire religioso che s'immerge nel fiume della vita e ne cattura le profonde vibrazioni, la gioia, il sogno; Grazia Stella Elia: un'anima che specchiandosi nella natura cerca l'eterno e canta l'Amore, la Bellezza, la Luce; Liliana Ugolini: una scrittura che sorprende, spiazza un turbinio di rimandi, sfavillio d'immagini, linguaggio che avvolge, non dà tregua: leggi ascolti e ti trovi immerso in un bagno di poesia.

Dovrei ancora dire di Antonia Anneo, Ada Biagini, Alberta Bigagli, Ornella Cappuccini, Novella Casadei, Chiara Liberata Dal Verme, Iole De Pinto, Caterina Felici, Maria Rosaria Luongo, Loretta Marengon, B.M. Vittoria Micelli, Maria Pina Natale, Mara Grazia Nigi, Gaetana Pace, Daniela Palmas, Myriam Pierri, Laura Pulin, Luciana Salvucci, Rita Santoro Mastantuono, Paola Testi.

Tutte meritano di essere lette e ascoltate perché il loro canto si alza nei luminosi campi della poesia, trasporta gli animi nella memoria e nel sogno, fa sentire il fluire della vita, ci trasmette l'eterno.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza