Servizi
Contatti

Eventi


Ho letto, prima con staccata serenità, poi con entusiasmo, quindi con passione sempre più coinvolgente, Il Viaggio Virtuale di Gennaro Grieco. Una raccolta di ben settantasei testi e divisa in sei sezioni, divisione che non intacca la compattezza del mondo poetico di Grieco. Ghigni, sorrisi, sberleffi, fronti aggrondate e pensose a volte, a volte vuote, inespressive; sguardi ironici o biechi: l’umano strabismo; rumori di sassi e di foglie: l’urlato e il sommesso; un vorticare di visi, di oggetti, di suoni, di idee. La parola e il pensiero a tendere le briglie o lasciarle a guidare i sudati cavalli della mente, a stimolarli con gli speroni luccicanti di una memoria lontana, astrale e di una intuizione esistenziale che scandaglia il futuro, ne allarga la chiusa fessura, lo penetra, lo possiede, si placa e ritorna al presente: il fuoco che arde sulle travi del tempo.

Gli occhi del poeta Grieco sprofondano, uno nel budello delle ombre, l’altro nell’iride della luce e la linea che li congiunge passa attraverso l’uomo, si carica di spirito e di sangue e vibra, elitra sonora del sapere, sulla vuota distanza che divide il fragore dei campi di battaglia: lacerazione, strazio, esultanza e sconforto, pianto, scoperta e perdita, nostalgia e assenza, Amore e Morte, Canto e Silenzio. La parola, in queste poesie, è l’Assoluto, il centro del cerchio che si aggruma, si addensa, si fa roccia e spigolo di cristallo; poi evapora, aleggia, si espande, conquista l’infinita circonferenza, la vìola, si apre al Caos, s’incendia, alza la fiamma della creazione, si avvolge nel manto delle apparenze, abbraccia l’universo, si sgretola per improvvisa deflagrazione e riprende il suo ciclo. La poesia di Grieco scaturisce dal percepire l’innata disarmonia, la profonda ambiguità del mondo dove si aggira una umanità dai lineamenti confusi e dove la nota dominante è il vagolare nel buio in cerca della luce: il viaggio.

Il poeta, munito di sensibili antenne spirituali, raccoglie i cocci che cadono nel raggio del suo stupore e tenta di ri-fare il segno che possa racchiudere la sognata armonia. Palloncini gonfiati dall’alito dell’uomo e spinti dal vento dell’illusione, colorati dal pennello della fantasia e legati al filo della scarpa che incede pesante nel solco della terra, si sollevano e restano in bilico tra un arco glorioso di cielo e il profilo malinconico di crucciata campagna, spaventata nicchia di serpe, boriose cartelle di tasse. Tante piccole lune tra lo splendore del sole e la caligine della notte. Rimane, il segno, dietro lo spessore della grande maschera, che è imprevedibile, piena di varianti, di trucchi, mutevole quindi, gravida di metamorfosi e d’inganni. Perde tempo il poeta a riferire le mille astuzie che lo distraggono dalla meta e si lamenta: “Ci sta il trucco, | non c’è dubbio, qui ci sta il trucco”; allora deve “accordare lo strumento; è il minimo che si possa fare” per riprendere il viaggio, andare oltre la maschera, dopo aver lasciato “la cenere che prende alla gola” e “l’infausto profilo del fango”.

Allora lo “cerchino, cercatori d’aghi, | gigioneschi figuri dai sigari mozzati, | romantiche canaglie di terre perdute”, egli inghiottirà “l’unica chiave | dopo aver speso - beninteso - l’ultima pigione” e si calerà, si calerà e non lo troverà nessuno!

Ironia, sarcasmo, amaro scherno, sboccata gioia, vibrano in tutta la raccolta; qua e là una manciata di malinconia, ma virile, mai sdolcinata; sempre il feroce gaudio della scoperta dell’oggetto, dell’atto scoperchiato e denudato. Il tutto rasserenato dalla distesa musica dell’endecasillabo che avvolge il pulsare dei sentimenti, smorza il grido, annulla la voce fuori dal coro e incanala il canto nell’alveo di una probabile armonia.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza