Servizi
Contatti

Eventi


Carmelo Ciccia

I cognomi di PaternÚ

oltre 2000 cognomi di Sicilia e d’altrove
Significato - Etimologia - Attestazione

1a ediz. 1987
Assoc. Turist. Pro Paternò - Paternò

2a ediz. 2004
Centro di Ricerca Economica e Scientifica - Catania

3a ediz. 2014
Testo revisionato per Literary.it - Padova


Introduzione


A - D


E - O


P - Z

Bibliografia

Studi su Paternò, sulla Sicilia e su certi cognomi:

  • Llegendes de Montcada, Ajuntament - Regidoria de cultura, Montcada i Reixac, 1993.
  • Michele Amari, Storia dei musulmani in Sicilia, Brancato, Catania, 1986.
  • Emanuele Ciaceri, Culti e miti nella storia dell’antica Sicilia, Forni, Bologna, 1981 [Catania, 1911].
  • Carmelo Ciccia, Paternò in controluce, in “Le Venezie e l’Italia”, Padova, genn.-febbr. 1974.
  • “ “ Il mito d’Ibla nella letteratura e nell’arte, Pellegrini, Cosenza, 1998.
  • “ “ Il “Pervigilium Veneris” e la “Primavera” del Botticelli, in Atti e memorie dell’Ateneo di Treviso, anno accademico 1997-98, Zoppelli, Dosson (TV), 1999, pagg. 41-49.
  • Barbar(in)o Conti, Umili e illustri, Ibla, Paternò, 1995.
  • “ “ I castelli di Paternò, Adrano e Motta S. Anastasia, Stampa Sud, Paternò, 1992.
  • “ “ Il culto ecumenico di Santa Barbara, Ibla, Paternò, 1995.
  • Santi Correnti, Storia e folklore di Sicilia, Mursia, Milano, 1983.
  • “ “ Paternò, Nuova Trinacria, Catania, 1973; nuova ediz. Tringale, Catania, 1983.
  • Cunsolo-B. Conti, Note storiche su Paternò, Circolo di cultura “B. Croce”, Paternò, 1972.
  • Cunsolo-B.Rapisarda, Note storiche su Paternò, vol. II, Circolo di cultura “B. Croce”, Paternò, 1976.
  • D’Alessandro-G. Giarrizzo, Storia d’Italia / La Sicilia dal Vespro all’Unità d’Italia, Utet, Torino, 1989.
  • Giovanni Agostino Della Lengueglia, Ritratti della Prosapia et Heroi Moncadi nella Sicilia, Sacco, Valencia, 1657.
  • Salvo Di Matteo, Paternò, nove secoli di storia e di arte, Centro studi di azione politica, Palermo, 1976; nuova ediz. Arbor, Palermo, 2009.
  • Salvatore Distefano, Piccolo dizionario araldico palazzolese, “Ricerche”, Catania, lug.-dic. 2002.
  • Vincenzo Fallica, Paternò nei secoli XIX e XX, Centro Studi e Ricerche, Paternò, 1987.
  • “ “ Storia di Paternò, Opera Universitaria, Catania, 1991.
  • “ “ Bianca di Navarra, Oltre, Paternò, 2000.
  • Moses. I. Finley, Storia della Sicilia antica, traduz. di Lucia Biocca Marghieri, Laterza, Bari, 1992.
  • Antonino Gnolfo, Assoro nella storia di Sicilia, 2 voll., Maimone, Catania, 1997.
  • Orazio Laudani, Origine e storia del nome Paternò attraverso i secoli dell’era cristiana, “La gazzetta dell’Etna”, Paternò, 31.I.2012.
  • Francesco Palazzolo Drago, Famiglie nobili siciliane, Forni, Bologna, 1985 [Palermo, 1927].
  • Ignazio Paternò, principe di Biscari, Viaggio per tutte le antichità della Sicilia, Forni, Bologna, 1981[Napoli, 1781].
  • Carmine Rapisarda, Paternò medievale, Aesse, S. Maria di Licodia, 1999.
  • Salvatore Francesco Romano, Breve storia della Sicilia, E. R. I., Roma, 1964.
  • Gaetano Savasta, Memorie storiche della città di Paternò, Galati, Catania, 1905.
  • John C. Shideler, A medieval Catalan noble family: the Montcadas / 1000-1230, University of California, 1989.
  • Mack Smith, Storia della Sicilia medievale e moderna, traduz. di Lucia Biocca Marghieri, Laterza, Bari, 1996.
  • Salvatore Spoto, Sicilia antica, Newton & Compton, Roma, 2002.

Studi d’onomastica e toponomastica:

  • Josep Maria Albaigès, Enciclopedia de los nombres propios, Planeta, Barcelona, 1998.
  • “ “ “ Enciclopedia de los topónimos españoles, Planeta, Barcelona, 1998.
  • “ “ “ El gran libro de los apellidos, Círculo de Lectores, Barcelona, 1999.
  • Marino Bonifacio, Cognomi dell’Istria e di Trieste, in “Atti e Memorie della Società Istriana di archeologia e storia patria”, XCIX (XLVII), Trieste, 1999.
  • “ “ Cognomi istriani: Varin, “La nuova voce Giuliana”, Trieste, 16.V.2000.
  • Buzzi-Donato e L. Molo, I cognomi e i nomi dei milanesi, Comune di Milano, 1988.
  • Enzo Caffarelli, Cognomi italiani, 3 voll., Seat, Torino, 1999-2001.
  • Cappello-C. Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Patron, Bologna, 1981.
  • Girolamo Caracausi, Dizionario onomastico della Sicilia, Centro di studi filologici e linguistici siciliani, Palermo, 1993.
  • Carmelo Ciccia, I cognomi di Paternò, oltre 1700 cognomi siciliani, Assoc. Tur. “Pro Paternò”, Paternò, 1987.
  • “ “ Il cognome Ciccia, uno dei piú antichi e diffusi d’Italia, in “Parallelo 38”, Reggio di Calabria, nov. 1997.
  • “ “ Oltre quattrocento famiglie italiane col cognome Ciccia, in “La gazzetta dell’Etna”, Paternò, 19.II.1998.
  • “ “ Origine e storia del cognome siciliano Ciccia, nonché l’elenco dei luoghi italiani dove è presente, in “La gazzetta rossazzurra di Sicilia”, Paternò, 11.III.2000.
  • “ “ I cognomi di Paternò piú diffusi / Anche nel resto d’Italia e all’estero sono presenti i cognomi diffusi a Paternò, ibid, 28.VII.2000.
  • “ “ Il cognome Caruso, ibid., 16.IX.2000.
  • “ “ I cognomi Impallomeni e Lo Faro, ibid., Paternò, 29.IX.2000.
  • “ “ Il cognome Moncada, “La gazzetta dell’Etna”, Paternò, 10.I.2001.
  • “ “ Onomastica iblea, in “Ricerche”, Catania, ott.-dic. 2001, pagg. 115-120.
  • Mario Cosmai, Cognomi biscegliesi, Levante, Bari, 1990.
  • Enos Costantini, Dizionario dei cognomi del Friuli, Messaggero Veneto, Udine, 2002.
  • Angelino Cunsolo, Il cognome Ciràolo, “La gazzetta dell’Etna”, Paternò, 10.I.2001.
  • “ “ Il cognome Saitta di origine siciliana, ibid., 27.VI.2001.
  • “ “ Il cognome Mangano, ibid., 9.VIII.2001.
  • “ “ Il cognome Virgillito, ibid., 24.IV.2001.
  • “ “ Il cognome Laudàni, ibid., 28.XI.2001.
  • “ “ Il cognome Sciacca orgoglio femminile, ibid., 16.IV.2002.
  • Eugenio Dal Cin, Cognomi di Mansuè e Portobuffolé, Il sodalizio letterario, Rimini, 1997.
  • “ “ L’origine dei cognomi, in “Atti del Primo Convegno Europeo di Latino” a cura di Rosa Nicoletta Tomasone, vol. 9, Miranda, San Severo, 2000, pagg. 109-114.
  • “ “ Cognomi di Susegana, Cooperativa Servizi Sociali, S. Lucia di Piave, 2002.
  • “ “ Il cognome nella storia della letteratura, in “Panorama d’arte e di cultura”, Susegana, apr. 2002, pagg. 8-9.
  • “ “ Cognomi doppi, tripli e..., “Nuovo frontespizio”, Rimini, dic. 2002, pagg. 46- 48.
  • “ “ Cognomi di Godega: origine e curiosità, De Bastiani, Godega di S. Urbano, 2002.
  • “ “ Cognomi di Orsago, Gruppo “Amici di Dante”, Conegliano, 2008.
  • “ “ Cognomi di Moriago, Gruppo “Amici di Dante”, Conegliano, 2008.
  • Albert Dauzat, Dictionnaire étymologique des noms de famille et prénoms de France, Larousse, Paris, 1977.
  • Emidio De Felice, Dizionario dei cognomi italiani, Mondadori, Milano, 1978.
  • “ “ Nomi d’Italia, Mondadori, Milano, 1978.
  • Carolus Egger, Lexicon nominum virorum et mulierum, Studium, Roma, 1963.
  • Vincenzo Fallica, I cognomi di Paternò, “Il Simeto”, Paternò, genn. 2003.
  • Egidio Finamore, I nomi locali italiani / Origine e storia, Nuovo Frontespizio, Rimini, 1980.
  • “ “ Cognomi, nomi, toponimi nella storia italiana, Il sodalizio, Rimini, 1985.
  • “ “ Italia medioevale nella toponomastica, Bibliograf, Rimini, 1991.
  • “ “ I nomi locali d’Abruzzo / Origine e storia, Il sodalizio letterario, Rimini, 2001.
  • Michele Francipane, Dizionario ragionato dei cognomi italiani, Rizzoli, Milano, 20051 e 20075.
  • Salvo Micciché, Onomastica di Scicli con appendice araldica, “Il giornale di Scicli”, Scicli, 1991.
  • Giovan Battista Pellegrini, Gli arabismi nelle lingue neolatine con speciale riguardo all’Italia, Paideia, Brescia, 1972.
  • “ “ “ Ricerche sugli arabismi italiani con particolare riguardo alla Sicilia, Centro di studi linguistici e filologici siciliani, Palermo, 1989.
  • “ “ “ Toponomastica italiana, Hoepli, Milano, 1990.
  • “ “ “ Un panorama dei cognomi italiani, in “Rivista italiana di onomastica”, Roma, 2/1997, pagg. 347-362.
  • Giuseppe Pensabene, Roma nel lessico e nella toponomastica reggina, Barcella, Reggio di Calabria, 1985.
  • “ “ “ Cognomi e toponimi della Calabria, Gangemi, Reggio di Calabria, 1987.
  • Massimo Pittau, I cognomi della Sardegna, Delfino, Sassari, 1990.
  • Gerhard Rohlfs, Dizionario dei cognomi e soprannomi in Calabria, Longo, Ravenna, 1979.
  • “ “ Dizionario storico dei cognomi nella Sicilia Orientale, Centro di studi filologici e linguistici siciliani, Palermo, 1984.
  • Orietta Sala, Il Dizionario dei nomi, Domino / Vallardi / Garzanti, Milano, 1993.
  • Sala Gallini-E. Moiraghi, Il grande libro dei cognomi, Piemme, Casale Monferrato, 1997.
  • Wolfgang Schweickard, Deonomasticon Italicum (DI). Dizionario storico dei derivati da nomi geografici e da nomi di persona, Max Niemeyer Verlag, Tübingen, 1997.
  • Giovanni Vezzelli, Cognomi romagnoli di origine barbarico-germanica, Il sodalizio, Rimini, 1988.
  • “ “ I cognomi nel Riminese, Il ponte vecchio, Cesena, 2013.
  • Dizionario di Toponomastica, Utet, Torino, 1990.

Elenchi e prontuari informatici consultati:

  • Elenco ufficiale abbonati al telefono Catania e Provincia 2000/2001, Telecom Italia, Torino, 2000.
  • CD I-Info, Topware, Landriano (PV), 1996.
  • CD Pagine bianche on disc, SEAT, Torino, ediz. 1^ e 2^, 1999-2000.
  • HyperCard Player / Quel giorno (applicazione per calcolatore elettronico).
  • MacHebelnome / Nomi personali (applicazione per calcolatore elettronico).

Siti telematici

Atlanti, enciclopedie e dizionari linguistici consultati:

  • Atlante letterario italiano 2003, Libraria Padovana, Padova, 2002.
  • Grande Atlante Stradale De Agostini / Italia, Novara, 1993.
  • Enciclopedia Italiana Treccani, Roma, 1949-1960.
  • Enciclopedia Italiana Curcio, Roma, 1962.
  • Enciclopedia Universale Garzanti, Milano, 1^ ediz. 1962, e ristampa della 2^ ediz. 1985.
  • Enciclopedia Generale De Agostini, Novara, 1992.
  • Martirologio Romano, Libreria Editrice Vaticana, 1950.
  • Nuova Enciclopedia Universale Rizzoli Larousse, Rizzoli, Milano, 1992.
  • Donald Attwater, Vite dei Santi, Piemme, Casale Monferrato, 2001 [1993].

Italiano

  • Il grande dizionario Garzanti della lingua italiana, Milano, 1987.
  • C. Bacci, Dizionario della lingua italiana, Aristea, Milano, 1967.
  • Salvatore Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, Utet, Torino, voll. 1-19 (A-Sque) 1961-1998.
  • Battisti-G. Alessio, Dizionario etimologico italiano, Barbera, Firenze, 1950-1957.
  • Tullio De Mauro, Grande dizionario italiano dell’uso, Utet, Torino, 1999.
  • Devoto-G. C. Oli, Dizionario della lingua italiana, Le Monnier, Firenze, 1971.
  • Ferdinando Palazzi, Novissimo dizionario della lingua italiana, Ceschina, Milano, 2^ ediz., 1957.
  • Sabatini-V.Coletti, Dizionario Italiano, Giunti, Firenze, 1997.
  • Nicola Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana, Zanichelli, Bologna, 1995.

Siciliano

  • Vocabolario siciliano-italiano, Martin & C., Brugherio (MI), 1997.
  • Giuseppe Biundi, Dizionario siciliano-italiano, Clio, S. Giovanni La Punta (CT), 1996 [Palermo, 1857].
  • Antonino Caglià, Nomenclatura familiare siculo-italica, Forni, Bologna, 1989 [Messina, Capra, 1840].
  • Giuseppe Gioeni, Saggio di etimologie siciliane, Forni, Bologna, 1984 [Palermo, 1885].
  • Nicotra D’Urso, Dizionario siciliano-italiano, Giannotta, Catania, 1922.
  • Giorgio Piccitto, Vocabolario siciliano, vol. I (A-E), Centro di studi filologici e linguistici siciliani, Palermo, 1977.
  • Antonino Traina, Vocabolario siciliano-italiano illustrato, Finocchiaro, Palermo, 1868.
  • Alberto Varvaro, Dizionario etimologico siciliano, Centro di studi filologici e linguistici siciliani, vol. I, Palermo, 1986.

Latino

  • Campanini-C. Carboni, Vocabolario latino-italiano, Paravia, Torino, 1946.
  • Castiglioni-S.Mariotti, Vocabolario della lingua latina, Loescher, Torino, 1968.
  • E. Georges-F. Calonghi, Dizionario latino italiano, 2 voll., Rosenberg & Sellier, Torino, 1990.
  • Italo Lana, Vocabolario della lingua latina, Paravia, Torino, 1983.
  • Lipparini, Vocabolario latino-italiano, Malipiero, Bologna, 1967.

Greco

  • Anatole Bailly, Dictionnaire grec-français, Hachette, Paris, 1967.
  • La Magna-A. Annaratone, Vocabolario greco-italiano, Carlo Signorelli, Milano, 1994.
  • G. Liddel-R. Scott, Dizionario illustrato greco-italiano (a cura di Quintino Cataudella e altri), Le Monnier, Firenze, 1975.
  • Franco Montanari, Vocabolario della lingua greca, Loescher, Torino, 1996.
  • Müller, Dizionario manuale della lingua greca, Loescher, Torino, 1889.
  • Lorenzo Rocci, Vocabolario greco-italiano, Dante Alighieri, Città di Castello (PG), 1981.

Neogreco

  • Apostolo Cristopulos, Dizionario greco moderno-italiano, Malipiero, Bologna, 1969.
  • André Mirambel, Dictionnaire grec moderne-français, Maisonneuve-Larose, Paris, 1977.

Spagnolo

  • Lucio Ambruzzi, Nuovo dizionario spagnolo-italiano, Paravia, Torino, 1973.
  • Carlo Boselli, Dizionario spagnolo-italiano italiano-spagnolo, Garzanti, Milano, 1959.
  • Sebastián Carbonell, Dizionario fraseologico completo spagnolo-italiano, Hoepli, Milano, 1968.
  • Manuel Alvar Ezquerra, El Vox Mayor / Diccionario General ilustrado de la lengua española, Zanichelli, Bologna, 1989.
  • Moliner, Diccionario de uso del Español, Editorial Gredos, Madrid, 1983.

Francese

  • Dictionnaire Hachette-Oxford Français-anglais / Anglais-français, Hachette, Paris, 1994.
  • Grandsaignes d’Hauterive, Dictionnaire des racines des langues européennes, Larousse, Paris, 1949.
  • Le Robert & Signorelli, Dictionnaire français-italien, Paris, 1994.
  • Petit Larousse, Dictionnaire encyclopédique pour tous, Paris, 1995.
  • Raoul Boch, Dizionario francese-italiano italiano-francese, Loescher, Torino, 1989.
  • Marichy, Dictionnaire français-italien, Hatier, Paris, 1947.

Inglese

  • Hazon, Grande dizionario inglese-italiano, Garzanti, Milano, 1961.
  • Vocabolario inglese-italiano, Sacse, Milano, 1944.

Tedesco

  • Dizionario tedesco a cura di Erica Pichler, Vallardi, Milano, 1995.
  • Stilf, Deutsche-Italianisches Wörterbuch, Malipiero, Bologna, 1960.

Note

[1] Il termine siciliano Mastra in quest’accezione ha il significato di “ruolo dei patrizi” (Antonino Traina, Vocabolario siciliano-italiano illustrato), Finocchiaro, Palermo, 1968.

[2] Gaetano Savasta, Memorie storiche della città di Paternò, Galati, Catania, 1905.

[3] Per tutto questo si può vedere: Carmelo Ciccia, Il mito d'Ibla nella letteratura e nell 'arte, Pellegrini, Cosenza, 1978.

[4] Barbar(in)o Conti, Umili e illustri, Ibla, Paternò, 1995.

[5] Carmine Rapisarda, Paternò medievale, Aesse, S. Maria di Licodia, 1999.

[6] Itria è abbreviazione di Odigitria o Hodighitria o Odegitria, che significa "colei che indica il cammino e che fa da guida", "la condottiera" (dal greco odû= "del cammino" ed eghéteira = "conduttrice"). Idria, forma errata per la Madonna, è invece il nome d'un fiume e d'un comune nei pressi di Gorizia. Una Madonna dell'Odigitria (il cui diffuso culto è di origine bizantina) col titolo di Madonna di S. Luca è particolarmente venerata a Bologna, della cui diocesi è compatrona. All'evangelista S. Luca, chirurgo e pittore, sono attribuiti i primi ritratti della Madonna . Nei pressi di Martina Franca (TA) si estende la valle dell'Itria, il cui nome è dovuto alla stessa Madonna, protettrice dei viandanti, i quali vi fondarono un eremo in cui è stato trovato un affresco raffigurante la Madonna dell'Odigitria. A questa sono state dedicate importanti chiese e santuari: oltre che a Paternò, a Roma (vedine la storia pubblicata da Matteo Catalano nel 1596), Biancavilla, Acireale, Caltagirone, ecc. Un’imponente raffigurazione della Madonna dell’Odigitria, patrona della Sicilia, Ť presente anche nella cappella palatina di Palermo. L'immagine della Madonna dell'Odigitria, ritenuta la prima icona bizantina, affinchè scampasse all'iconoclastia fu affidata da alcuni monaci alle onde del mare dentro una cassa di legno e poi approdò miracolosamente alle coste meridionali d'Italia. L'iconografia sintetizza le fasi più significative della leggenda, rappresentando i due monaci basiliani, la cassa di legno, la città di Costantinopoli, una Madonna con in braccio il Bambino. Alcuni però ritengono che il titolo di "guida" si riferisca al fatto che la Madonna avesse guidato due ciechi alla sua chiesa di Costantinopoli, dove riacquistarono la vista, mentre altri ritengono che "odeghi " fossero i condottieri degli eserciti imperiali che si recavano all'icona della Madonna per invocare la protezione prima delle battaglie.

[7] Carmelo Ciccia, Lingua e costume, Firenze Atheneum, Firenze, 1990.

[8] L’Egger ritiene erroneo l’uso della y al posto della i, preferendo quindi la forma Aloisius al posto di Aloysius; ma quest’ultima è largamente attestata.

[9] Le occorrenze estere sono riportate nell'introduzione.

[10] La Porta Travallii ("Porta del Travaglio", cioè del tormento o supplizio) a Siena e in altre città era detta così perché vi si eseguivano le condanne capitali, solitamente per impiccagione.

[11] Carlo Levi, Le parole sono pietre, Mondadori, Milano, 1962 (1^ ediz. 1955), pag. 106.

[12] Nella Divina Commedia Dante parla anche di Pietro il Grande e dei suoi figli: in Purg. III 115-116 da Manfredi fa ricordare la figlia Costanza, "genitrice/de l'onor di Cicilia e d'Aragona", cioè rispettivamente dei figli Federico II e Giacomo II; ma in Purg. VII 112-122, nel lodare per bocca di Sordello Pietro il Grande, gli fa affermare che "Iacomo e Federico hanno i reami; / del retaggio miglior nessun possiede./ Rade volte resurge per li rami / l'umana probitate". Insomma sebbene soprannominato "Giacomo il Giusto", il futuro marito d'Elisenda (che divenne regina dopo la morte di Dante) e il fratello Federico II erano considerati da Dante, figli degeneri, come pure — per equità — l'angioino Carlo II di Napoli. Qui va ricor­dato che Federico II d'Aragona, successo al rinunciatario fratello Giacomo II quale re di Sicilia nel 1296, mori a Paternò (nell'ospedale annesso alla chiesa di S. Giovanni) nel 1337, mentre — ammalatosi — si recava da Enna a Catania per implo­rare la guarigione da S. Agata. Per questo si può vedere: Carmelo Ciccia, Allegorie e simboli nel Purgatorio e altri studi su Dante, Pellegrini, Cosenza, 2002.

[13] Alcune notizie e documentazioni relative alla storia e geografia del comune catalano di Montcada i Reixac e di quello valenzano di Moncada mi sono state gentilmente fomite dal sig. Josep M. Pons i Casanoves, dell'archivio amministrativo di Montcada i Reixac, che qui sentitamente ringrazio.

[14] Il Laudani nel 2012, considerando che il cittadino romano Giulio Paterno era stato curatore statale e fra l’altro aveva curato la costruzione del ponte sul Simeto di cui ancor oggi s’ammirano i ruderi in contrada Pietralunga (sec. II), ritiene che il toponimo Paternò derivi dalla strada maestra (“strada di Paterno”) che da Catania andava oltre Centuripe (EN), attraversando Paternò e anche il suddetto ponte. Ciò sarebbe avvalorato dal fatto che per alcuni secoli il nome di questa città fosse scritto senza accento finale in importanti documenti pubblici.
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza