Servizi
Contatti

Eventi


L’Antologia raccoglie i testi degli studenti che hanno vinto il concorso, organizzato dalla Provincia di Roma e dalla Fondazione Piazzolla, dedicato alla composizione di poesie sul tema della pace. I poeti, inseriti in questo volume, sono, quindi, giovani delle scuole superiori che “non hanno esitato ad alzare il sipario delle proprie speranze su un tempo storico complesso e indecifrabile.” (dalla prefazione di Donato Di Stasi).

Nei testi dei poeti inseriti si sente l’eco delle letture scolastiche (come testimonia l’uso di termini appartenenti alla tradizione letteraria: odo, sovente, vaga, placano, etc. tutti termini lontani dal linguaggio quotidiano dei giovani), ma si avverte anche la spontaneità e la freschezza di chi percepisce dentro di sé l’urgenza di comunicare in versi, non nascondendosi dietro le parole, ma usandole in modo semplice e diretto.

Anna Carla Benedetti, per es. scrive, paragonando la pace ad una pioggia che nel deserto tarda ad arrivare: “Tu ragazzo puoi | far piovere, anche | sulla sabbia più | arida, se solo | cancelli il razzismo | dal tuo cuore.”, mentre Sandra Volpentesta (che probabilmente ha vissuto in prima persona l’esperienza della guerra) aggiunge, invocando la pace come se fosse personificata “Tu... timida... piccola | Tenera chiudi gli occhi. | Dimmi | che non vuoi morire | in questo mondo | di sofferenza, di solitudine, di guerre.”

Interessanti sono anche le poesie in forma di calligramma scritte da Alessio Natali, così come significativa è la riflessione di Martina Andrenacci che scrive: “(Pace) Illumina questa terra nostra | e falla vivere | e respirare.”

In tutti i giovani che hanno composto versi la pace c’è, infatti, la consapevolezza di vivere in un mondo dove guerre e violenze sono diffuse e dove la pace fatica a farsi strada, per questo c’è chi la definisce: “ambita promessa | nelle ferite di tutti | e nelle medaglie di nessuno.” (Dario Ronzani) e chi si augura che ci sarà “”dopo la guerra | atroce, straziante, | oscura, | come un odio travolgente... | un raggio di luce, | un sogno di pace.” (Carolina Micheli)

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza