Servizi
Contatti

Eventi


In questo testo teatrale ci sono due persone che devono morire, ma la morte non è unica, no ognuno ha la sua che lo va a prendere per portarlo via, solo che, trattandosi, per fortuna, di un finzione e di un divertente esempio di teatro degli equivoci, questi due morti, fatte persone e dunque personaggi (tanto che abbiamo nell’elenco personaggi la “morte di Veronica” e “la morte di Immacolatina”) nel canovaccio del testo, si incontrano e discutono con le due persone che dovrebbero portare via e che riescono in tutti i modi a sfuggirgli…

Il testo sicuramente ha una sua vivacità, letto su carta, ma acquista il suo vero spessore sul palco di un teatro e come tale ha vinto nel 2008 la sezione teatro inedito del premio “Angelo Musco” con la seguente motivazione: “Benedetto Cacchioni gioca la sua carta vincente utilizzando un canovaccio ricco di variegate possibilità che rendono fresca e friabile l’opera sin dalla prima scena (…) L’autore ci fa soffermare su un tema abbastanza serio qual è la morte che tuttavia viene trattato in modo accattivante al punto da farci sorridere e ridere.”

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza