Servizi
Contatti

Eventi


L’Amore è il punto di fuga da cui si diramano le diverse tematiche della raccolta L’amore è libertà di Biagio Arixi, ed esso, è vissuto dal poeta non solo come comunione di due anime o desiderio dell’altro ma anche come libertà di scelta. Egli non lascia spazio all’ansia di nascondere al mondo le emozioni nate da un rapporto, ancora oggi, considerato “diverso”. E, con sorprendente sincerità svela al lettore il desiderio di poter amare in piena libertà, anche se questo presuppone di “abbattere i muri della più comune | ipocrisia, e scardinare antiche travi | che hanno retto secoli di ingiustizie” (p. 30).

La prima sezione del libro è composta da poesie che cantano i differenti stati d’animo nati dalla sua più intensa storia d’amore: la gioia – incontenibile o straripante –, la passione – impetuosa o carnale – e il tormento – della perdita o del tradimento –. I versi liberi si susseguono con limpida chiarezza e senza sotterfugi comunicano l’essenza e la portata dei suoi sentimenti (in più di un testo il suo bisogno di possesso totale, fisica e spirituale, dell’altro si esprime mediante le metafore del cibo e del nutrirsi):

ti divorerò fino a saziarmi,
dimenticando il digiuno
ed il peccato, essendo tu
quel pasto tanto desiderato
che blocca la mia vita,
senza vie d’uscita

(Il gusto dell’amore)

Nella seconda e nella terza sezione Arixi include, invece, composizioni che dalla sfera intimistica si aprono anche al mondo, sempre ricercando Amore, Libertà e Verità. Un mondo dove l’animo dell’uomo sembra inaridirsi sempre di più e dove il comportamento dei singoli e dei governanti diventa discutibile e deprecabile. Il linguaggio poetico, in questi testi, si indurisce, perde la levità della sezione precedente, acquista un’incisività a volte cruda per rispecchiare situazioni sociali lesive della dignità della persona.

Questa di Biagio Arixi è una raccolta che offre spunti per riflessioni di varia natura. Il poeta, come ben sottolinea, alla fine della sua prefazione, Ada Martinelli Ferrario “manifesta tutta la sua essenza ed il suo grande desiderio di vivere la vita nella Verità, la più palese, dominata soprattutto dall’Amore, in tutte le sue espressioni”, e la parola poetica diventa per lui docile strumento per parlare di sé, del suo più intimo sentire e del suo tendere “verso la LUCE”, verso il divino.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza