Servizi
Contatti

Eventi


Nostro male quotidiano

Presentati alla mostra del libro dell'EUR gli ultimi due libri di Luca Canali, che non li ha potuti sfogliare di persona essendo mancato poche settimane prima. Ci aveva lavorato negli ultimi mesi della sua vita con grande dedizione consegnandoli al direttore editoriale della Biblioteca dei Leoni, la bella collana di LCE Edizioni, e rappresentano, ciascuno, un aspetto fondante della sua esperienza di scrittore. Il primo ricapitola l'intensa attività di latinista di Canali, nel segno particolare di quella sua predilezione per la traduzione della poesia nella lingua di Roma: si tratta dei Versi del Satyricon di Petronio, realizzato con la partecipazione di Silvia Stucchi (a cui si devono i commenti filologici ai singoli testi). Si tratta di un libro prezioso, ricchissimo di una poesia che il lettore del romanzo di Petronio magari neppure si aspetta, perché i versi sparsi nella narrazione si marginalizzano nell'attenzione posta alla trama e allo sviluppo delle vicende. Il secondo libro è l'ultimo romanzo di Canali, Nostro male quotidiano, e sintetizza tutti i motivi cari al narratore: la guerra, la resistenza, il secondo dopoguerra, la ricostruzione, con un occhio attento all'innata cattiveria degli uomini, al loro egoismo, alla loro crudeltà. Un testo fulminante: netto, rapido, implacabile. Sono due libri che coronano completandola l'esperienza di scrittore di Canali e si congiungono con un altro libro, pubblicato appena qualche mese prima sempre nella Biblioteca dei Leoni, Anticlimax, una raccolta di poesie di grande potenza espressiva. Sono pagine che ci fanno rimpiangere, tutte, la straordinaria vena di Luca Canali.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza