Servizi
Contatti

Eventi


Nei labirintici cunicoli della nave da sempre affondata (o quantunque da tempo immemorabile), si scopre l'unico relitto umano ancora esistente, il teschio del Vecchio Capitano, che presto si anima, e all'orecchio del quale si può sussurrare il verbo di dolcezza contenuto nel Libro dei Morti tibetano, che sortirà l'effetto di rianimarlo e rimuoverlo dal luogo del troppo amore, che l'ha tenuto legato alla terra. E da qui, insieme all'enorme, vibrante imbarcazione animata, percorrerà le vie del cielo astrale, di quell'oltre che si trova al di là dell'universo, ben risorta e a vele spiegate. A questo compito sopperirà l'autore stesso, che potrà scorgere immensa luce, ineffabilità e dolcezza oltre la morte, per poi, come Dante Alighieri, tornare al quotidiano, fra i comuni mortali.

Poesia epica, di grande rilievo sapienziale, colma di suggestioni desolate, evocatrice d'atmosfere impareggiabili nel filone della metafora vita-morte, macabro-paradisiaco; saga mistica di rara bellezza, assoluta mente unica nel suo genere.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza