Servizi
Contatti

Eventi


Quello scrittore è un noto avvocato

Algor (alias Alberto Liguoro)

Il mistero è caduto: al palazzo di giustizia si è scoperto che Algor, l'autore del libro Le stagioni (edizioni Mef), è l'avvocato Alberto Liguoro. Dopo aver firmato diversi altri libri, il legale stavolta ha fatto ricorso ad uno pseudonimo.

«Perché – dice – ci sono vari riferimenti personali.» A far cadere il segreto ha contribuito anche la copertina del libro illustrata da Monica Liguoro, figlia del professionista.

Il volume che ha allungato la produzione letteraria dell'avvocato, è una raccolta di poesie e racconti che propone un inquietante interrogativo sulla negatività dell'11 settembre. In tale data, tanto per citare alcuni macabri eventi, nel 1800 ci fu a Napoli la decapitazione di Luisa Sanfelice; nel 1943, l'eccidio di Nola; nel 1973, il sanguinoso colpo di stato militare in Cile e, poco più di due anni fa, l'attentato alle Torri Gemelle di New York.

Nel suo excursus tra il nuovo secolo e il vecchio millennio, l'autore sottolinea la crudeltà del destino; ma alla fine, tra le righe, c'è sempre uno spiraglio di speranza, un inno alla solidarietà verso chi ha bisogno di uscire dal buio. C'è perfino un'esibizione in vernacolo napoletano con qualche battuta satirica: poesie e racconti decrivono fantasmi e allucinazioni, orrori e bestialità fotografati col linguaggio della crudezza ed espressioni naïf, sensazioni che sgorgano da un animo duramente colpito, ma pronte ad aprirsi a un magico soffio di umanità.

Ecco perché alla fine, come nelle precedenti opere di Liguoro, regolarmente firmate, emerge quel soffio di umanità che consente di avere un rapporto positivo con la vita. Malgrado tutto.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza