Servizi
Contatti

Eventi


Dialetto, sì, ma vera poesia

È l’ultimo (solo in ordine di tempo), ci auguriamo) libro di poesia nel dialetto di Trento di questa nostra poetessa che scrive, e molto bene anche, “in lingua”. In ambedue le espressioni linguistiche. ha scritto per varie pubblicazioni e riviste, conseguendo tanti, ed importanti premi, sia in ambito regionale che triveneto e nazionale. È vicepresidente del “Cenacolo trentino di Cultura dialettale”.

In questo suo ultimo lavoro, dal titolo un po’ inusuale, Striarìa, (malia, suggestione: da strìa, strega) Lilia dà, se ce ne fosse ancora bisogno, una ulteriore dimostrazione della sua assoluta padronanza, non solo del dialetto di Trento (addirittura sviscerato in tante, intime, anche inusuali espressioni) ma della sua capacità di immedesimarsi completamente tanto da quasi annullarsi, nelle situazioni, negli avvenimenti, nelle sensazioni, nel trascorrere delle stagioni e del tempo, trasmettendo al lettore, con quel suo linguaggio a volte immaginifico, ma sempre saldamente ancorato alla terrena, corposa realtà, una visione della vita che induce, a volte, anche una tenera malinconia, in crudo contrasto con l’affannato mondo contemporaneo. Di lei (ed è una scelta difficile, stante la bellezza del tutto) ecco:

Orazión mai dita

L’è en strazzaròl el vent
che ’l bate a l’us
de la me fantasia. Poesia
le so canzon che le me sfrugna
l’anima. Me ’ndinòcio
a la so rabia per n’orazión
mai dita. Me lasso petenar
dai so sangióti de lóv.

Set Ti Sioredio vizin a mi
enté sto carneval de gnènt?
Set Ti che te me ’nrizzi
i penséri strambi
e per na volta, na volta sola
Te me dài damént?

Orazione mai detta

È uno straccivendolo il vento | che batte all’uscio | della mia fantasia. Poesia | le sue canzoni che mi frugano | l’anima. M’inginocchio | alla sua rabbia per un’orazione | mai detta. Mi lascio pettinare | dai suoi singhiozzi di lupo. || Sei Tu Signore Iddio vicino a me | in questo carnevale di niente? | Sei Tu che mi arricci | i pensieri strambi | e per una volta, una volta sola | mi dai retta?

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza