Servizi
Contatti

Eventi


Il libro (Le radici) inizia e finisce con un originale riferimento a Jonathan che ha scoperto la libertà e la capacità di volo e alla fine del suo peregrinare si affida dolcemente alla morte: “Il vecchio Jonathan, dopo aver percorso tutti i mari, | raccolse le ali stanche lasciandosi trasportare dal vento, | come una grande vela aperta”. Simbolo dell’uomo e della sua avventura terrena che il poeta fa proprio nei ricordi biografici. Colpito in giovane età dalla prematura morte del padre in una miniera, vissuto lontano dalla madre in collegi o ospite di parenti, ha subito la carenza degli affetti familiari. La sua vita ha delle strane analogie con quella del Pascoli e non è senza indicazione il fatto che Bruno Bartoletti si laureò proprio con una tesi sul poeta romagnolo. Dal fondo della memoria emergono i dolorosi o malinconici ricordi: “La muta ombra contorta rivedo | di mia madre al cancello| che inseguiva esitante il mio passo | allontanarsi su brumose scogliere”. Tragica l’evocazione del padre: “Mani giganti | sul volto di mio padre che infossa | lo sguardo spento dentro cunicoli | di zolfo, testimone del tempo, della creta | lucida di pioggia ove lo sguardo scivola | incredulo ancora al grido spezzato | che irrompe dalle viscere vuote”. Il ritorno al paese è vissuto con particolare gioia: “Qui vorrei fermarmi, dove più grande | è il sereno orizzonte, all’ombra | di una quercia o sotto il cedro e guardare | il profilo austero della badia…”. Ma la vita impone i suoi ritmi e non si può vivere di memorie, proiettati nel passato: “Non c’è più tempo di tornare. | fugge il treno nella notte degli anni | e sibila il vento…”. I riferimenti biografici sono come avvolti da immagini turgide e forti, da metafore, accompagnati da riflessioni profonde nella proustiana ricerca del “tempo perduto”, il tutto espresso in un periodare ampio che conosce l’uso dell’enjanbement nella circolarità del verso, così che il dettato risulta di notevole elevatezza stilistica che dice come l’Autore conosca e applichi tutte le tecniche e le figure del fare poetico.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza