Servizi
Contatti

Eventi


Molto originali le otto favole di questa riedizione. Altrettanto diversive sono la premessa dell’autrice, Leonora Guerrini, e la nota a fine opera di Nicola Palumbi, in perfetta sintonia con l’intento fiabesco. L’originalità, caratterizzante le varie fiabe, dipende dalla particolare spigolatura cosmica che dà corpo, spazio e tempo agli elementi costitutivi delle varie storielle. Originalità assoluta, direi. E stimerei che tale innovativo modulo non ingombri l’attenzione dei potenziali piccoli lettori, forzandone l’interpretazione, rendendogliela, in definitiva, astrusa. Semplicemente, le storie sono costruite da un’avvolgente novità, comprensibilissima, tale anche per le loro tenere testoline. Grazie anche all’innegabile plafond psichico-pedagogico dell’autrice.

L’insieme è intelligentemente diversificato da un campionario di pagine a scrittura manuale, simulata dal computer. Inoltre, determinati passaggi, basilari nell’aspetto dei valori morali che, di volta in volta, la singola favola propone, sono evidenziati con caratteri dai variegati colori, che risaltano rispetto al nero di fondo.

Più ampiamente, c’è da dire che non vengono proposti finali all’insegna d’una consueta “morale della favola”, recepibili goccia a goccia, scaturenti da ogni storia. L’autrice, pienamente cosciente della necessità che siano presenti quei lumi della sana ragione pedagogica, che generalmente bastano ad elevarne il contenuto fiabesco nella misura di una sola unità, tali lumi li rende maggiormente palesi. Quantitativamente ma altresì qualitativamente. I valori etici, qui, nascono come i funghi. O, se si vuole, sbocciano come i fiori, dischiudendosi in invitanti concetti di pace, di speranza, d’amore… in definitiva di un’umanità pregnante, pressante, ingombrante, impossibile da trascurare. In altre parole, “la morale della favola” è, nelle fiabe della Guerrini, altrimenti, e più consonamente intravedibile in un nugolo di supporti morali. Ma l’aspetto più sorprendente è che queste isole, fulgide stelle, di moralità brillano della poetica luce della metafora.

L’illustratore, poi, Gianni Franceschini, non manca di dare la realistica, tanto quanto suggestiva, idea, rendendola in eloquente versione di puerizia, di quanto letterariamente espresso.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza