Servizi
Contatti


Romanzo, questo di Alida Casagrande, palesemente gravitante attorno al titolo, Legami di sangue. Nell’insieme si può dire che si tratti di un buon romanzo. Genere parallelo alla soap opera. Sembrerebbe stato scritto apposta per la televisione! Assorbente ed intrigante nelle vicende che lo caratterizzano.

A parte qualche ingenuità da un punto di vista introspettivo, che anima i personaggi principali e che si ripercuote alla fin fine sulla dinamica degli accadimenti, l’autrice sembra a suo agio nell’intessere trame parossistiche, degne dell’attenzione del lettore.

La tecnica di scrittura adottata rende l’intreccio globale movimentato, spesso difficile da essere captato, imprevedibile. È un susseguirsi d’azioni impensabili, tutt’altro che scontate. Specialmente nel finale, piatto forte della narratrice. Proprio alla fine del romanzo, a pochissime pagine dalla conclusione, si assiste ad un vertiginoso carosello, uno scatenamento di descrizioni più che mai imprevedibili. Qui la suspense è fortemente abrasiva, intensa, tale da invogliare ad una lettura veloce, con la quale cercare d’arrivare il prima possibile alla meta delle varie sequenze aneddotiche. I risvolti sono davvero incredibili. Laddove, dall’incipit e fino a buona parte (più di tre quarti della trama) si assiste ad un lavoro di scrittura creativa sul filo di lama dell’incertezza che guarnisce al massimo un paio di accadimenti; nella parte finale v’è una letterale esplosione di creatività, di vera fantasia. La morte di Toni, il protagonista al maschile, ed eroe principale del romanzo, proietta fin dall’inizio le aspettative del lettore nella canalizzazione dell’omicidio o del suicidio, mentre l’alternativa, che poi si dimostra essere la soluzione fondante, della disgrazia, una malattia del tutto insospettata, è, in realtà, solo l’inizio di una pirotecnica serie di sorprendenti nodi di congiunzione.

Di fronte alla morte, innegabile molla del romanzo, il doppio interrogativo di p. 62: «È giusto morire in quel modo e così giovani? E allora, cos’è giusto e cos’è sbagliato?» sembra il vero fulcro del significato esistenziale dell’opera. Purtuttavia vi sono ulteriori elementi d’amore-odio e di dominio-soggezione a rendere vivo il filo conduttore della trama, ben organizzata e, se non fosse giustappunto per quel briciolo di predetta ingenuità, sarebbe davvero appetibile, molto, molto coinvolgente.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza