Servizi
Contatti

Eventi


È un libro, questo, che fa meditare al di là delle sue righe. Delfina Bozic, ispirata da una verve poetica che le fermenta dentro, dall'io più manifesto alla parte più inconscia, imprime il sigillo al suo essere, cercando di esprimere una poesia esistenziale a tutto tondo, in tutta la sua latitudine. Se dal punto di vista estetico l'obiettivo appare mancato, dal lato dell'esistenza mi sembra assolutamente riuscito. Sì, se la poesia è anche ricerca di se stessi, o, meglio ancora, tentativo terapeutico, sì, allora, a prescindere dalla forma, la pagina s'identifica nella poesia. È poesia-vita. Poesia-forza di vivere. Poesia-medicina. Poesia-Io. Poesia-Dio. E quanto ancora si voglia dire in tal senso.

Quant'anche l'autrice volesse avvicinarsi a Edoardo Sanguineti, alla cifra d'avanguardia del suo Corollario – è quanto mai eloquente, nel titolo del libro, la volontà di schierarsi dalla parte di un'eventuale poesia "tra le righe" invece che "nei versi" –, beh, non vi sono elementi estetici sufficienti per richiamarne il nome.

Viceversa, concedendole la suddetta, comunque interessante scappatoia, si può concepire un ribaltamento, dalla narrativa alla poesia, del topos di quel palpitante, umano e disumano, romanzo Le libere donne di Magliano, di Mario Tobino. La stessa Bozic lo afferma nei suoi versi in tensione, anelanti alla riscoperta della sua normalità di donna e soprattutto di essere umano partecipe della società.

Anche dalla prospettiva dell'io narrante si assiste ad un'inversione di rilievo. Tobino è passivo spettatore delle sue "donne" ammalate. Lui le cura, le assiste, e di conseguenza le nota e ne annota i comportamenti. Mentre Delfina ne è invece parte attiva. È essa stessa parte di un mondo di soggetti ritenuti malati (d'altronde la normalità, rispetto alla non normalità, è semplicemente un'opinione, un parere), che hanno bisogno di guarire, di recuperare fiducia prima di quella capacità, ambigua, astrusa da definirsi, delimitata dai paletti d'una scienza sempre incerta. L'autrice ne è, invece, parte attiva.

Vorrei che a concludere, per poter io medesimo riuscire a dare una conferma della mia disamina, fosse proprio l'autrice, con lo sfogo di riscatto, di speranza e di salvezza tratto dalle sue ultime eloquenti osservazioni nell'ordine d'impaginazione: «tra chiaroscuri momenti di silenzio e di estasi, resta imperituro, il bisogno di "comunicare" con il resto dell'umanità. Un "messaggio" che è un inno alla spiritualità di un'anima nel procelloso mare agitato dalle onde del dolore e delle gioie […]. E nella gran volta di un cielo azzurro […] si legge un imperativo, immutabile messaggio di speranza». Coraggio Delfina, fatti forza! Auguri!

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza