Servizi
Contatti

Eventi


I “nonluoghi” (rigorosamente scritti senza separazione alcuna ma come un solo termine) di Roberto Mosi sono tutti quegli spazi dove si avvicendano e si confrontano storie umanissime e quotidiane, particolari e uniche.

Roberto Mosi indaga sui margini della realtà urbana, dove si trovano aeroporti e stazioni, ospedali e periferie…i “non luoghi” per eccellenza, deputati ad ospitare incontro fortuiti o a diventare condotti in cui rimanere e stazionare estranei alla vista dei più. La coscienza dell’autore si sfaccetta in questa ricerca, sostando negli angoli e negli anfratti di ogni percezione ed ogni senso rispetto allo spazio che si trova ad attraversare.

“Il sacco lascia l’Officina | cammina come un burattino | da straniero attraversa la città”: Roberto Mosi diventa parte lui stesso dei confini che racconta, valichi che separano non solo fisicamente ma intimamente cose e persone, per cogliere ciò che a prima vista non si vede dietro essi e soffermandosi a raccogliere elementi che raccontano il nostro quotidiano, abituato a sorvolare e a non soffermarsi sulla realtà più ampia di ciò che ci circonda.

Con acuta appartenenza a ciò che descrive, l’autore si identifica di volta in volta con porzioni dell’altrui vissuto, provando a suggerire al lettore nuovi spunti per una più consapevole sensibilità, che non è camuffata da pietismo ma pretende di non arginare la sua vista più acuta e più profonda.

“ (…) seduta in sala d’attesa | parla, il Nokia all’orecchio | fra risa e sospiri. – Esterina i vent’anni ti minacciano – “: una immagine casuale diventa visione curiosa e provocatoria, occasione di domande che il lettore si pone, quasi volesse allargare la visuale di Roberto Mosi per cogliere ancora altri aspetti di quella realtà troppe volte dismessa, poco percepita.

La consapevolezza dell’autore si esterna in versi brevi e serrati, concepiti secondo un ritmo che segue l’immagine e ne è contrappunto ideale; visioni che raccontano e trattengono porzioni di umanità al margine, ancora da svelare.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza