Servizi
Contatti

Eventi


I testi che compongono questa silloge di Lucio Bussolini si caratterizzano per una franca, quasi familiare schiettezza che coinvolge il lettore in una dimensione immediatamente svelata, quasi senza filtro.

“Ogni giorno viviamo sospesi | in attesa che il tempo | ci soccorra”: l’autore – proprio lui, di professione medico – ci trasmette il duro senso di precarietà che assale l’esistenza di molti, senza timore di dare nomi alle cose che la rappresentano ossessivamente, nel nostro quotidiano.

Pure, la componente cristiana della formazione di Lucio Bussolini alimenta quel sentimento di riscatto e di possibilità oltre l’inevitabile che nei testi assume la versione di un piccolo miracolo che dialoga con il mistero, senza paura.

“Il miracolo non è parte dello straordinario | ma trova i suo significato sorprendente | nel divino ordinario”: ribaltando la concezione di straordinario e divino, l’autore rappresenta la peculiarità più espressa dai suoi versi.

In Lucio Bussolini l’agitazione più intima, il continuo interrogarsi (e medesimamente, il meravigliarsi) sulla condizione umana, complice anche la componente di medico spesso presente nei versi, diventa esplicito dialogo che traduce in parole umanissime il disagio e il dolore di non comprendere appieno le volontà ultime di quel “banchetto nuziale | con la vita”.

Pure, la propensione dell’autore è sempre rivolta a un riscatto che trova proprio nelle parole una acuta volontà di speranza, vera e propria matrice di nuova consapevolezza.

La forza dentro l’uomo è infatti raccolta in esso “in dose infinita” mentre anche una goccia ignara caduta sul parabrezza puo’ diventare cosa che “spinta dal divenire quotidiano | si ricongiunge con l’infinito | Divino”.

Dunque per Lucio Bussolini esiste una provvidenza superiore, talora imperscrutabile ma che mai abdica al proprio reale, originario significato. E in questo segno si motivano i testi dell’autore, orientati a rivelare almeno le porzioni più accessibili di tale mistero.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza