Servizi
Contatti

Eventi


Il libro Poesie di Alberto e Dalila Liguoro raccoglie i testi di entrambi gli autori, lasciando che il lettore possa comporre da solo un confronto tra padre e figlia, uniti dalla comune passione dello scrivere.

Le loro scritture però sono differenti, seppure accumunate da un disincantato sarcasmo che le caratterizza entrambe; nei testi degli autori non vi sono filtri, le parole calano anche con ferocia sulla pagina, mentre temi universali come l’amore e la morte vengono aggrediti senza paura.

Nelle composizioni di Dalila Liguoro il lettore si imbatte nel fantasma del suicidio e nella ricerca spasmodica di un significato finalmente fermo del “vivere”, mentre nei testi di Alberto Liguoro si incontra una ricerca che include la sperimentazione e i giochi fra le parole.

Nell’autore infatti si riscontrano alcuni passaggi che ricordano illustri predecessori nell’ambito della poesia visiva, mentre altri testi si rivolgono con sagacia e provocazione alle numerose contraddizioni del mondo contemporaneo. “L’uomo ha inseguito la pace e ha fatto la guerra”, dice Alberto Liguoro, “e se provasse a inseguire la terra?”

Ambedue le raccolte presentano al lettore interrogativi più che sentenze e lo spingono a rivolgere più attenzione alla vita che lo circonda per coglierne aspetti talvolta troppo nascosti per essere adeguatamente apprezzati.

La ricerca di una poesia globale, portatrice di un messaggio immediato che racchiuda tutta l’istintività di un poeta è la caratteristica più interessante dell’opera, sintesi di un percorso che per entrambi gli autori potrà essere ulteriormente esplorato.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza