Servizi
Contatti

Eventi


Tenace e instancabile nella scrittura creativa, Angelo Lippo ha di recente affidato ai torchi una lepida plaquette dal titolo invitante e intrigante: Elogio dell’ebbrezza (Lepisma, Roma, 2009).

Il libriccino ha tutta la leggerezza di una meravigliosa farfalla, come quella della collana editoriale in cui è apparso sotto la direzione di Pippo Mannino. Tuttavia, dietro la levità dei versi, avverti tutta la perizia del poeta, che stempera la tenue mestizia esistenziale nelle volute metriche ben cadenzate e pregnanti ed esorcizza il sentimento della morte nella lode del vino che scaccia i pensieri più grevi.

Così l’autore può cantare nel componimento eponimo: «E quando l’inverno bussa | alle porte mi cingo le spalle | di morbida lana, | e so che lunga vita mi aspetta | se tante volte le labbra | porterò al calice colmo. | Conterò allora a centinaia, | per discendenza romanica, | i boccali e la morte avrà | il sorriso buono dell’annata». Oppure può concludere, nella poesia successiva: «Moderno Dioniso alzerò | il boccale per sciogliere | ditirambi di nuove voluttà: | poi, si compia il Destino».

Si sa che i poeti antichi ponevano ai vertici più alti della vita pienamente goduta le delizie dell’amore e i piaceri del vino, e l’autore, novello Bacco, si aggira nella limpida luce del giorno tra i vigneti appuli non lontani dal fertile mare, dove ancora si sente il riverbero dei miti mediterranei e greci e la mente può dischiudersi a nuove favole e a nuove vendemmie poetiche.

Lì si può di nuovo carpire la gioia conviviale suggendo la bàcchica bevanda o rammemorare il sangue dell’uva del mistico cenacolo. Lì si può ancora evocare l’amore, dialogare con l’anima, ricamare un sogno o cercare un’immersione panica tra i grappoli e i pampini lussureggianti oppure inseguire i sentori dell’autunno e del mosto.

Infine, quello che Lippo ci offre è l’ebbrezza dei versi, il vino della poesia, che ha il sapore del nettare e il retrogusto dell’ambrosia, mentre l’effimero, nel prodigio dell’affabulazione, si tinge di eterno.
Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza