Servizi
Contatti

Eventi


L’Aids, ma anche la morte, la fatalità, l’estremo sono i temi della poesia di Ruffilli nel suo ultimo libro La Gioia ed il Lutto. Su un tema come la morte è stato detto tutto ed il contrario di tutto.“Requiem” sulla perdita del padre della Valduga e “Canzoniere della Morte” sulla triste vicenda del poeta salentino Toma sono due esempi di come si fa poesia sulla morte. Ruffilli può aggiungersi con questo suo testo nella ristretta cerchia di autori che hanno saputo centrare l’argomento.

Perché il lutto | chiama la vita | non altra morte sentenzia Ruffilli nel suo classico stile, secco, fatto di quinari, senari e settenari nella fase finale del libro. Ma la forma di un diario dell’io o del menage, viene sostituita dal diario civile, vere e proprie note sulla morte e sulla peste moderna. Una peste d’amore, una peste di carne, quella più crudele e subdola tanto da arrivare ad analisi estreme: E che dolore | addolorarli | addirittura per amore | senza ingannarli…

Il dramma dell’Aids è proprio questo un contagio che spesso deriva da chi si ama, o ancor peggio da chi si è amato ed ora non si ama più. Ecco allora giungere una riflessione necessaria con versi come: senza la morte, no, | non ci sarebbe | né sorte né destino. sicuramente un viatico al lettore su quello che pensa l’autore della morte.

Su questa strada si svolge una ricerca con risultati sorprendenti E, nel gioco / differenza e identità | svelato il poco | di verità nella scoperta | che il mondo noto | non è affatto | l’unica realtà. Ed il titolo con quell’ossimoro lutto-gioia si spiega proprio così. Il lutto imminente allora diventa un terzo occhio che rende la visione della sfera esistenziale avvolta in una luce nuova e precedentemente sconosciuta. Il lutto e la morte non sono due facce di una stessa medaglia. Proprio il lutto diviene quell’elemento che nella riflessione personale di Ruffilli serve a trattare il tema morte con inaspettata originalità.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza