Servizi
Contatti

Eventi


Guillaume Apollinaire “Pietà di me!”

Franco Orlandini, critico acuto, coglie nelle opere di Apollinaire lo stato d’animo continuamente tormentato, la solitudine che lo ha spesso accompagnato nei giorni malinconici, l’angoscia per gli amori falliti, lo smarrimento di quando sentì di aver perso la fede.

Apollinaire si rifugia nel sogno e crea una poesia visionaria ed innovativa, sopprimendo persino la punteggiatura. Orlandini, infatti, scrive: "La sua poesia si svincola dai legami della logica, inventa un susseguirsi di immagini fantasmagoriche, che, pur tratte dalla realtà, assumono l’aspetto difforme dell’irrealtà" (pag. 58).

La poesia di Apollinaire tende al surrealismo e nell’opera "Calligrammes" allo sperimentalismo e, come scrive Orlandini, a una poesia sintetica, che si presenta con la simultaneità delle immagini. (pag. 66) Altri motivi che si notano nelle opere di Apollinaire, sono il tempo che passa, i ricordi della giovinezza e le profezie del futuro. Orlandini chiude il suo saggio con questo magnifico giudizio: "Apollinaire s’è inoltrato nella misteriosa sfera del sogno ed ha ascoltato gli echi provenienti dall’inconscio, ha scorto fantasmi, ha assistito a strabilianti metamorfosi.

Per tale parte della sua poesia visionaria, alogica, egli è stato ritenuto un precursore del surrealismo" (pag. 96). In conclusione, si può affermare che in questo saggio, l’autore ha tessuto un’analisi approfondita, chiara e convincente della poesia di Apollinaire, grande poeta scomparso purtroppo alla giovane età di trentotto anni.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza