Servizi
Contatti

Eventi


Dietro la facciata. Tre storie di sesso a Padova

Non è il sesso, quanto la competizione femminile, il motore che muove le vicende di questo trittico ambientato a Padova.

Una moglie e una cognata si fronteggiano in una lotta senza mezze misure: sarà un giornalista televisivo, non più giovanissimo, a raccogliere le loro confidenze e a scoprire ciò che si cela dietro la verità ufficiale. Nel secondo segmento due amiche d’infanzia si incontrano ormai adulte in carcere, dove sono finite in seguito alla loro attività sovversiva. La protagonista si libererà dall’infatuazione per Fiorella, maestra nel gioco della lippa, quando emigrerà in Argentina e si costruirà una famiglia, realizzando che l’epoca degli eroi e degli ideali per cui battersi è finita da un pezzo. Un’intesa ancora più traballante lega nel racconto finale Marta e Cinzia, colleghe di lavoro divise da una differente concezione dell’amore – sognatrice e moralista la prima, pragmatica e volgare l’altra – e incapaci di accettare i rispettivi limiti.

Piuttosto defilate, le figure maschili vengono ritratte nelle loro meschinità e debolezze: Franco Carlevaris, l’onorevole Tagliani e persino il sacerdote amico di Marta sono costretti dalle tentazioni a una vita di compromessi.

La solidarietà sembra esserci solo tra madri e figlie per queste donne sole, depositarie di segreti inconfessabili, segnate da esperienze traumatiche (la perdita di un figlio), eppure ancora in grado di innamorarsi di qualcuno o qualcosa (la poesia, la politica) che le faccia sentire vive.

Se “Il caso Carlevaris” è costruito sul meccanismo dell’indagine come se fosse un giallo, le altre storie narrano di una quotidianità costellata di apparenze che dominano in una città, Padova, specchio – per citare Diego Valeri – di qualsiasi altro luogo del mondo.
Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza