Servizi
Contatti

Eventi


Fritto misto

Audace e irriverente, la raccolta di racconti di Antòn Pasterius coniuga l’umorismo con l’erotismo in una sintesi che non degenera mai nella volgarità e nella prevedibilità.

La monotonia, che è spesso il limite della letteratura erotica, viene evitata grazie al ricorso all’ironia e alla sperimentazione formale.

Equivoci, doppi sensi, giochi di parole dominano in questa miscellanea che si traduce in un raffinato gioco letterario grazie all’abilità dello scrittore di descrivere con leggerezza gli incontri amorosi, destinati inevitabilmente a sfociare in accoppiamenti erotici.

Non tutti i quattordici frammenti inclusi nel volume sono, però, all’insegna dell’erotismo. In alcuni assistiamo a dei veri e propri esperimenti di scrittura creativa, costruiti attorno alla ricerca di un possibile spunto narrativo che diviene poi il fulcro del racconto.

In altri casi non esiste neppure il presupposto per una storia in quanto lo scopo dell’Autore è far riflettere e magari strappare al lettore un sorriso (“L’elogio della sveglia”).

Alla fine, si è talmente avvinti dalla lettura da non accorgersi, come direbbe Pasterius, che “il tempo passa come fosse uva”.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza