Servizi
Contatti

Eventi


La cordata e il crepaccio

Due gemelli monozigoti – uno (Checco) sposato e con figli, l’altro (Bobbi) scapolo – condividono la passione per l’alpinismo e, nello scalare le vette più impervie, sono così in sintonia che se uno è preso dal panico, l’altro assume subito il controllo della situazione.

Talvolta qualche intoppo interferisce nei piani dei fratelli compromettendo l’esito delle loro vacanze sulla neve (la frattura alla caviglia riportata dalla madre, scivolata sul ghiaccio), senza turbare, però, l’entusiasmo degli scalatori.

Il racconto è pervaso da una forte ironia che scaturisce proprio dalla condizione di anonimato degli Autori. Roberto e Francesco Dragosei (scomparso nel 2006) non appartengono, infatti, alla casta dei “duri e puri”, quei professionisti estremamente competitivi ed abituati a prendersi un po’ troppo sul serio.

I divertenti episodi in cui i protagonisti si rivolgono – con tutti i rischi che ne derivano – per una diagnosi ai medici locali vivacizzano la narrazione, intervallata dai disegni, sempre all’insegna dell’umorismo, realizzati da Roberto Dragosei.

Il testo, caratterizzato dalla presenza di inserti dialettali, è corredato da un breve glossario, prezioso nel chiarire al lettore il significato di quei termini tecnici ben noti a chi pratica l’alpinismo.
Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza