Servizi
Contatti

Eventi


Passive perlustrazioni (Racconti 2008-2017)

Omogenea e fuori dagli schemi, questa raccolta di racconti, scritti da Velio Carratoni tra il 2008 e il 2017, è incentrata su personaggi irrisolti e insoddisfatti, coinvolti in situazioni ordinarie che ne attestano l’inadeguatezza e la solitudine.

Privi di un’identità definita, i protagonisti – spesso donne - di queste storie agiscono in modo irrazionale, seguendo l’impulso del momento.

Incapaci di sentimenti, indulgono al sesso che offre loro un appagamento solo temporaneo. Ecco Gioe (“Nulla creativo”), single assuefatto alla compagnia di Elide come alle sigarette e allo smog, e Priscilla (“Un tipo così”), disinibita trentenne che si concede agli uomini senza remore, dividendosi tra il noioso amante, il marito che l’ha messa incinta a forza e un misterioso individuo con cui conversa telefonicamente.

In sintonia con l’ambiente – l’afa dell’estate romana – che le circonda, le figure ritratte dall’Autore sono prigioniere di un’inerzia che le ingabbia in percorsi senza sbocco - perlustrazioni passive, appunto - come Pia, frigida commessa di libreria cresciuta in un ambiente di ladri e tossici (“Per questo mi ribello”), e la studentessa diciassettenne Rosa (“Il di più del niente”).

Di fronte alle confessioni dei suoi personaggi, Carratoni non si erge a giudice ma assume il ruolo di testimone del suo tempo, rappresentato con un realismo cupo che è preferibile al (forzato) ottimismo utopistico.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza