Servizi
Contatti

Eventi


Primo Levi (1919-1987) l’uomo, il poeta

Non è un saggio accademico questo omaggio a Primo Levi, bensì un testo divulgativo, insignito nel 2019 del Premio I Murazzi quale opera inedita e rivolto ai giovani affinché possano comprendere meglio la realtà dell’Olocausto attraverso la testimonianza di uno dei più autorevoli sopravvissuti ai Lager.

Suddiviso in sette sezioni, il volume è coinvolgente e, al tempo stesso, preciso nell’inquadrare sul piano storico lo scrittore torinese, individuando nell’identificazione arte-vita il fulcro della sua produzione letteraria, in particolare della narrativa in quanto la discontinua attività poetica riflette solo in minima parte l’esperienza di Auschwitz.

Citazioni e frequenti digressioni caratterizzano il testo dell’Autrice che si sofferma sul frequente uso di figure retoriche da parte di Levi e sullo stile personalissimo e vicino negli ultimi anni a quello degli scapigliati, sulla centralità del tema del dolore – sia quello patito dagli uomini che dal mondo animale –, sulla presenza costante nelle sue opere della natura e sul rapporto, coerente ma non privo di dubbi, con la religione cattolica.

Su Levi hanno scritto in tanti per cui è difficile dire qualcosa di nuovo, tuttavia Franca Olivo Fusco è riuscita a ricostruire l’avventura umana e letteraria di un uomo che non ha mai dimenticato né strumentalizzato la Shoah.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza