Servizi
Contatti

Eventi


Sentinelle di pietra. I grandi sacrari del primo conflitto mondiale

Tra le pubblicazioni uscite in occasione del centenario della Grande Guerra è apparsa anche “Sentinelle in pietra”, firmata dalla coppia di ricercatori Lisa Bregantin e Denis Vidale.

Non si tratta del solito saggio ma di una vera e propria guida visiva ai sacrari nel Triveneto, opportunamente integrata da informazioni di carattere storico.

Sono le immagini a condurci in questi luoghi edificati a distanza di anni dal primo conflitto mondiale e collocati in località spesso isolate e poco accessibili (è il caso del Pasubio).

La loro costruzione, avvenuta durante l’epoca fascista, è stata accompagnata da scontri fra autorità civili e religiose (come per il sacrario di Monte Grappa) e da polemiche scaturite dalla stessa tipologia architettonica, di ispirazione classica e monumentale, che li caratterizza.

Nell’introduzione gli Autori delineano il passaggio – traumatico per gli ex-combattenti – dal cimitero di guerra al sacrario, che segna il trionfo “dell’ideologia laica su quella religiosa, della valenza pubblica su quella privata”.

Con il regime si afferma, infatti, una visione del lutto che cela la sofferenza in nome dell’eroismo e della vittoria.

Canzoni, poesie, stralci di articoli vivacizzano la narrazione che riporta l’attenzione su un passato caduto nell’oblio insieme a un sentimento patriottico vissuto in modo sempre più fiacco.

In chiusura una lirica di Lisa Bregantin e una ricca bibliografia.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza