Servizi
Contatti

Eventi


Pagine sul filo sottile del tempo

rivista UCT marzo 2018 - nr. 507

Con un linguaggio finemente poetico e con «la voglia matta di aggiustare i giocattoli rotti trovati in soffitta», Lilia ci prende per mano e ci accompagna in un viaggio alle origini della sua esperienza biografica

Lilia Slomp Ferrari è una poetessa che non ha certo bisogno di presentazioni. Il suo trentennale impegno nella scrittura di versi ci racconta di una donna dotata di una sensibilità fuori dal comune e di un’altrettanto rara capacità di tradurre emozioni e sensazioni in una originale parola poetica. Nel suo ultimo libro «Pagiue Sul filo sottile del tempo», questa autrice si misura, in maniera inedita, con la prosa, proponendo una raccolta di racconti autobiografici che ripercorrono gli eventi principali dell’infanzia e della giovinezza. Tracciando i contorni di quegli avvenimenti destinati a formarla come donna e come scrittrice.

Il volume è strutturato in trentacinque brevi capitoli ognuno dei quali rappresenta una piccola storia in se conclusa. Con un linguaggio finemente poetico - e non poteva essere altrimenti, visto il calibro dell’autrice – e con «la voglia matta di aggiustare i giocattoli rotti trovati in soffitta», Lilia ci prende per mano e ci accompagna in un viaggio alle origini della sua esperienza biografica in una Trento lontana, remota, quasi mitica. Come tessere di un magico mosaico, i racconti hanno la capacità di articolarsi in un’unica storia e le immagini della bambina-Lilia diventano le trame della storia di ciascuno di noi.

Come scrive Mauro Neri nell’intensa prefazione al libro, i racconti - che «sono gli ottoni di un’orchestra che suona un inno all’immortalità dei sentimenti» - ci portano a scoprire «quel che può succedere quando il senso del presentimento, delle rimembranze e del destino si mette a girare a circolo in attesa che qualcuno (…) alzi il coperchietto di legno».

Un libro pieno di «profumi» e di «gioiosi ricami» ma soprattutto uno «stupendo libro di educazione personale e di emancipazione sociale», capace mentre racconta di ricordare la magia del passato e di insegnare la speranza nel futuro.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza