Servizi
Contatti

Eventi


Il Respiro delle viole

Una manciata di versi che pa­lesano anche nei titoli sentimenti più diversi, insiti nell'animo sen­sibile di chi riesce ad esprimersi con poco ma arrivando diretta­mente a colpire chiunque abbia disponibilità e voglia di adden­trarsi nel mondo della poesia e nell'estro di chi si dedica a scri­verla. Questo è, in definitiva, la silloge di Ines Scarparolo, che nella semplicità, dimostra di essere veramente un piccolo grande volume da leggere, rileggere con attenzione e meditare.

“La parola si fa musica, armonia, fascino nei versi di Ines Scarparolo e l'incontro tra il certo e il fantastico ha il profumo, mai epidermico, di un respiro raccolto dalla natura, dal sogno, dalle "ma­giche note / che sanno danzare nel verso". Il verso segue un anda­mento lieve e modulato, cullandosi tra il malinconico e il canto delle foglie che cadono, l'occhieggiare del sole che ammicca dai caldi colo­ri della memoria… C'è una patina di nostalgia e di visibile intensità nel suo pensiero nell'appropriarsi di illuminanti naufragi di tramonti e di abbracci congiunti in un danzate sinuoso di ali protese verso l'alto, di soffi di brezza, di sussurri e di ruscelli innamorati. È un garrire simpatico, un ringraziare chi l'ha avvolta d'amore per la vita, un concerto policromo e costante di emozioni, di suoni cullati dalla bellezza trasparente dei giorni.. .” (dalla prefazione).

Tutti questi sentimenti esplodono in un inno costante all'esi­stenza umana che alita con il respiro delle piccole viole e la inon­da non solamente dei vivi colori ma di quel magico profumo che potrebbe, benissimo, essere il sapore stesso della Vita: L’amore è un caldo sole / che rigenera la terra, / è il respiro delle viole / dal profumo dolce lieve / che nel sen ella rinserra. .. / Che l'abbraccio della vita / ti carezzi e sia men greve / pei tuoi passi, la salita.

Non è solamente un "magico rifugio" del poeta, ma un eterno confrontarsi tra il passato e il presente, è esistenza che si proietta, coraggiosamente e serenamente, verso il futuro. Poche ma vere poesie da gustare come un bicchiere di acqua fresca che sgorga rigogliosamente dalle cavità montuose e disseta il viandante in una assolata e faticosa giornata estiva.

 

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza