Servizi
Contatti

Eventi


«Primavera 1945. il sogno fu breve, inquietante, immerso nella luce d’autunno, le immagini giungevano così chiare da far pensare a un presagio. Bruna ne ricordava ogni dettaglio mentre, con le ginocchia a terra e una spazzola in mano, fregava il pavimento della cucina, uno stanzone rustico dal profumo di polenta e fuliggine».

Così l’io narrante comincia a descrivere il personaggio di Bruna, una bambina nata nei primi del Novecento in un paese sui colli Berici, evidenziando sin dalle prime battute il dono della telepatia che la rende diversa dai suoi numerosi fratelli.

Se non bastasse questo a renderla “unica” si potrebbero aggiungere il suo aspetto gradevole, «la donna più attraente di Monteviale», per via dei suoi capelli scuri, degli occhi neri e degli zigomi alti, e il suo temperamento: «in più era coraggiosa, sapeva affrontare tutto senza paura, perché il timore impedisce l’azione, sottolineava, e ci fa inutili».

E così le vicende della sua vita, alle quali non saranno estranee la tragedia della guerra, la morte dei cari e l’immensa solitudine, si snodano lungo le numerose pagine di questo romanzo in cui si intrecciano luoghi e personaggi differenti, determinanti per il progredire dell’azione ma soprattutto per la crescita dell’eroina.

Il libro è scritto in maniera semplice e delicata e si presenta come una storia carica di significato e di emozioni, dolce e lineare. Una storia di sentimenti forti, come la passione e l’attesa, l’odio, la ribellione, la tristezza, la paura e l’amore che trionfa su ogni cosa. In particolar modo quello di Bruna per Rino che diventerà suo marito malgrado tutto: «Camminò davanti a loro lungo la breve navata, a sinistra stavano le sorelle e i fratelli di Bruna, a destra s’erano allargati i figli di Rino, che avevano dimostrato poco entusiasmo all’annuncio … Bruna guardò Rino. Di nuovo se ne innamorò».

La scrittrice ha la capacità di farti vivere le sensazioni, di sentire gli odori, di vedere con gli occhi della protagonista, di gioire e soffrire con lei.

Una piacevole lettura…
Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza