Servizi
Contatti

Eventi


Cosa succede se un rinomato autore come Emilio Diedo decide di indagare sul cuore degli uomini, sulle loro speranze, le loro miserie, le loro paure, i loro incubi scalfiti in quella che è la passeggera eppur fulgida materia terrestre? Ne nascono costellazioni, stelle di terra per l’appunto, per il loro chiarore destinato ad esaurirsi a breve, e capace, malgrado tutto di lasciare il segno.

E cosa succede se, per sviscerare quanto di più intimo e profondo è racchiuso in ciascuno di noi, l’autore sceglie di raccontare storie a volte paradossali, fantastiche, surreali? Ne scaturiscono personaggi tratteggiati, il più delle volte, con tocchi rapidi e lievi, ma i cui pensieri sono profondi a tal punto da penetrare profondamente nella mente di chi legge.

Non stupisce pertanto che a dominare siano il sentimento dell’attesa, dell’incredulità, dell’amicizia, della vita e della morte che non sempre tuttavia suscita angosce, né viene vista come la fine di tutto, anche perché la vita non finisce ma si trasforma come insegna il racconto Vita in corpore. Bellissima è la storia vissuta da Eva e Amabelgo che è indubbiamente un invito a guardarci intorno con più attenzione, a non cedere mai alla disperazione, ma a considerarci come parti di un tutto, come parti immersi in un fiume di vita nell’infinita molteplicità delle sue forme.

Quella di Emilio Diedo è una narrazione scorrevole, delicata e coinvolgente, con qualcosa di malinconico e vitale allo stesso tempo, di fiabesco e misterioso insieme. Un raccolta di racconti semplice nel linguaggio, che lascia spazio ai dettagli, consone al genere letterario a cui l’autore ha deciso di affidare il suo talento.
Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza