Servizi
Contatti

Eventi


Quest’ultima fatica di Lucio Zinna (Forum, poesia ‘80), ben noto per le sue iniziative letterarie (si sa che dirige «Arenaria»), è davvero convincente. Si può concordare con il prefatore, Raffaele Pellecchia, che scrive di ‘misurato romanzo psicologico’ e di pluralismo espressivo. In effetti, ciò che piace di Zinna è l’inserzione di squame liriche all’interno di densi monologhi, a volte quotidiani altre volte fitti di richiami colti, con una cifra stilistica che ora appare aulica ora umile. La memoria di substrati antropologici più che personali («Pastori di Sagana»), la straordinaria capacità ironica («A volte qualcuno rimane»), l’attenzione ai problemi sociali («Uccelli del viale») si innestano così in un tessuto profondo e godibile, in una aura lieve di saggezza.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza