Servizi
Contatti

Eventi


Il respiro è condizione necessaria e indispensabile della esistenza umana, del nostro restare in piedi. Senza esso non ci si rallegra, non si soffre, non si ragiona, non si filosofeggia. Il respiro è l’archè  della vita. “Ciatu” che ne è la sua traduzione dialettale, è il titolo della raccolta di poesie della trapanese Flora Restivo, edita a Messina dalle edizioni Sfameni e di “ciatu” parla il testo che apre la raccolta: “Iu sugnu fatta | di nenti: | di àriu | di luci || d’amuri | raspatu cu l’ugna | nna petri di cori nsirragghiati. | Li manu chiusi a pugnu | addifennu | stu nenti | cu tuttu lu me ciatu. | Na mossa, na palora | e sugnu pupu | cu li fila tagghiati.” Come dire che basta un niente e il miracolo dell’essere si annulla, si contrae nel vuoto terribile della morte.

Questo ciatu, posto a incipit del libro, è preludio quindi, di una serie di riflessioni sulla vita. Su essa indugia, infatti, Flora Restivo, ma senza decantarla, anzi mettendo in luce le sue ombre, a cominciare dalla terribile esperienza di adolescente vittima di asettici genitori: “Sempri | picciridda e granni | a firriari  ntunnu a na carizza | chi nun arrivava mai” esperienza che le fa radicare la certezza che “Li figghi si vasanu vigghianti | pirchì l’amuri è vita | e nun s’ammuccia.” Di pagina in pagina si avverte una latente inquietudine, caratterizzata da una ricerca interiore, spasmodicamente attenta alla presenza – assenza della alterità: “Quantu mi pisa | su caminari | senza nudda meta | e nenti ‘n-celu | e nenti ‘n-terra. | Sdillinìu? | Siddu ssa meta cc’è | lassatimi ddà allura | e scurdativi di mia.”

Di Flora Restivo piace la essenzialità dei testi e l’assenza di quelle ridondanze floreali con le quali talvolta altri autori caricano i propri testi poetici. Si osservino, invece, qui la potenza di alcune metafore naturalistiche: “Omini | faiddi chi lu ventu | malantrinu | cunnuci a so caprìcciu. | Cca sbampanu | lingui di focu; | ddui passi cchiù luntanu | morinu ‘n-terra | leggi papuzzani | di cinniri.”

Diverse, come si diceva, sono le prospettive focalizzate dall’autrice in questo libro che merita di essere letto per intero. A me, per concludere queste brevi note, piace riportare questi righi tratti dalla poesia Lu tempu: “E mentri fazzu chistu | chiddu e l’autru | lu tempu si ni va | senza un pinzeri. | Chi ci ni spèrcia a iddu | si sugnu viva o morta | si chianciu ridu o parru? | Lu tempu si ni futti | e passa lestu.”

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza