Servizi
Contatti

Eventi


Na farfalla mi vasau lu nasu

Marco Scalabrino (Trapani, 1952) è poeta che predilige il dialetto. Diverse sono le raccolte da lui pubblicate a iniziare dal 1997 (fra le quali, Tempu, paroli, aschi e maravigghi). In siciliano ha tradotto alcune opere di autori stranieri (fra gli altri, Nat Scammacca e Duncan Glen). Diversi sono anche i suoi saggi su noti poeti siciliani del passato (fra i quali, il catanese Giovanni Formisano e, recentemente, il palermitano Giovanni Meli). Na farfalla mi vasau lu nasu è una antologia di autori noti e meno noti: dai classici Orazio e Catullo, a Edgar Lee Masters, Charles Bukowski, Wislawa Szymborska, Stanley Kunitz e diversi altri. Tradurre una composizione poetica è sempre un’operazione rischiosa in quanto nel passaggio da una lingua a un’altra senso e musicalità rischiano di perdersi per strada. Marco Scalabrino, traducendo da varie lingue in siciliano, riesce con perizia certosina a conservare l’uno e l’altro, riempiendo i buchi con l’estro di qualche “invenzione” linguistica siciliana rubata all’anima dei poeti; restando, cioè, fedele allo spirito della composizione originale e offrendo come risultato finale delle bellissime composizioni in dialetto siciliano. Il che, secondo me, nobilita la nostra lingua madre in quanto riempie la sue vesti di altri universali contenuti.

Peter Russell: Drink shop /Taverna

Mi piacinu ddi taverni affuddati
unni li liscimòrii su’ canziati,
unni stàgghia l’aria e lu picca ossiginu
sciogghi la lingua chiù di li pinzeri.
Chiacchiari franchi, fumu cu li coffi,
tanfu di cacòcciuli e maiolini,
n’agnuni unni scialari e addimurari
e di spinni e nguttumi futtirisinni.
Un munnu miserabili
cunzatu d’ogghiu e d’acitu,
li cristiani vistuti a tipu cucchi,
nudda muggheri chi ci scassa l’asciddi
e vastasati un’appressu a n’autra.
Ma strati strati, l’ancilu firrìa.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza