Servizi
Contatti

Eventi


Sintesi teorica della
Origine e funzione dei numeri primi

A un certo punto della propria storia, per comodità di calcolo l’uomo inventò il sistema decimale. La tavola pitagorica, appresa alle elementari, elaborata dentro un quadrato di cento caselle in ognuna delle quali stanno i numeri da 1 a 100, penso che sia nella memoria di tutti. Essa, riflette, sinteticamente, uno dei molteplici metodi dell’uomo per semplificarsi la vita. La metodica del sistema decimale, entrata nella forma mentis della civiltà umana, non ha però consentito di decifrare l’enigma della regola di distribuzione che seguono i numeri primi all’interno dei numeri naturali.

Dio, o, se volete, la Natura, ha pensato alla distribuzione dei numeri in forma diversa. Attenzione: non mi riferisco alle regole matematiche e neanche al naturale succedersi dei numeri. Dico solo che per comprendere il meccanismo matematico che regola la distribuzione dei numeri dobbiamo pensare a una disposizione diversa da quella decimale. Col sistema decimale, inventato dall’uomo, l’altalenante flusso dei primi nel contesto dei numeri naturale appare slegato da qualsiasi regola. Non c’è alcuna formula matematica che sia in grado di potere preventivare la loro apparizione. Non c’è modo alcuno di potere stabilire come e perché a sporadiche presenze succedano, talvolta, presenze più compatte. Dal numero 90 al 100 c’è un solo numero primo. Dal numero 100 al numero 110 ne troviamo, invece, 4. Un bel rompicapo che per oltre duemila anni ha tenuto in scacco i matematici di tutto il mondo. Nel 1751, in proposito così si espresse il grande Eulero: “Ci sono alcuni misteri che la mente umana non penetrerà mai. Per convincersene non dobbiamo far altro che gettare un’occhiata alle tavole dei numeri primi. Ci accorgeremo che non vi regna né ordine né legge.”

Dopo il teorema di Euclide, che nel 300 a.c. riuscì a dimostrare che i numeri primi sono infiniti, il più grande progresso ottenuto dai matematici su questo specifico settore della matematica fu conseguito dal tedesco Gauss che intorno al 1800 riuscì empiricamente a quantificare, con una formula approssimativa, in che proporzione i numeri primi sono presenti rispetto a tutti gli altri numeri. Poi, nonostante negli ultimi 50 anni grandi elaboratori delle facoltà di matematica del mondo siano tesi alla ricerca di sempre nuovi numeri primi, le cui dimensioni sono mastodontiche, tanto che per scriverne solo uno ci vogliono libri di diverse centinaia di pagine, non si è ottenuto alcun significativo progresso utile a decifrare l’alone di mistero che circonda la nascita dei numeri primi. Dopo essere venuto a conoscenza della problematica, da dilettante appassionato della materia, ho approfondito il problema. Lungo il tragitto degli studi effettuati in proposito ho avuto modo di comprendere altre problematiche connesse ai numeri primi, riuscendo ad elaborare un teorema relativo ai numeri perfetti, entità numeriche che ai primi sono strettamente collegati, che risolve un antico enigma matematico. Cenni su tale teorema sono pubblicati su una tesina sui numeri perfetti pubblicata sul sito internet della Università di Torino.

Ma, visto che il sistema decimale, in uso nella nostra civiltà, ha impedito a fior di matematici di decifrare il segreto dei numeri primi, qual è, l’altro sistema che consente di venire a capo del problema più eccellente che riguarda il mondo della matematica?

II sistema quadratico. Ma cos’è il sistema quadratico? Se solo ora venite a conoscenza di tale definizione … state tranquilli! Non si tratta di una vostra particolare lacuna culturale poiché essa è frutto di una mia originale interpretazione della distribuzione dei numeri interi e naturali. Un particolare modo di disporre i numeri, non ancora codificato dalla scienza matematica, che il Padreterno ha tenuto in serbo per tanto tempo, riservandosi di rivelarlo alla nostra generazione, per il tramite del più semplice fra i matematici, non provvisto di specifico titolo e perciò lontano dai sentieri normalmente percorsi da chi il titolo ce l’ha, un matematico semplice tuttavia provvisto di un’altra semplice grazia: quella della fantasia immaginativa; grazia concessa ai poeti, sia pure non di grido. Perché fantasia immaginativa e semplicità, con l’aiuto di Dio, talvolta riescono a trasformarsi in pensiero laterale, ovvero capacità di individuare sentieri primitivi coperti dalla moderna e lussureggiante vegetazione di formule sempre più sofisticate. Sentieri primitivi attraverso i quali è possibile, che uno squarcio di luce pazientemente cercato faccia capolino e, dopo avere scostato l’ultima fronda, ti accolga nella sua rasserenante verità.

Di questo, dunque, parlo in questo libro dal linguaggio arcaico, lontano dal “matematichese” moderno, che descrive origine e funzione dei numeri primi nel contesto della distribuzione dei numeri naturali: del sistema quadratico: concetto di distribuzione numerica semplice da assimilare. Distribuzione numerica che contiene al proprio interno i codici gametici dei numeri, cioè le coppie di fattori che formano i numeri stessi. Un fenomeno che, correttamente inquadrato, si dimostra perpetuamente fedele. Un fenomeno concreto, tangibile e reale, valido per tutti gli insiemi numerici consecutivi, strutturalmente identificati, che consentono di prendere piena coscienza della dinamica matematica che fa scaturire i numeri primi.

Un fenomeno che da sé stesso ha forza auto dimostrativa, ma che io, successivamente alla prima stesura, ho supportato con tre nuove matematiche dimostrazioni a corredo, fra le quali quella delle formule matematiche (formulario iMa e formulario iMb) che a seguito di un preciso processo matematico, facilmente codificabile dai programmatori informatici, consente di individuare i numeri primi.

Immaginate che la sequenza dei numeri naturali, che partendo dall’1 arriva all’infinito sia disposta, a coppie di insiemi numerici omogenei, lungo delle linee orizzontali. Immaginate che le caratteristiche costanti di tali insiemi omogenei siano che ogni linea orizzontale contenga, come elemento mediano, il prodotto di un numero elevato al quadrato e che lateralmente a tale numero quadrato, sia a sinistra quanto a destra, gli altri elementi numerici, precedenti e successivi a tale numero elevato al quadrato, siano delimitati a sinistra dal prodotto di n(n-1) e a destra dal prodotto di n(n+1).

00 – 01 – 02

02 – 03 – 04 – 05 – 06

06 – 07 – 08 – 09 – 10 – 11 – 12

12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19 – 20

20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 – 28 – 29 – 30

Escludendo i numeri laterali e quello mediano, in ogni linea si formano due insiemi numerici che chiamiamo A (quello precedente il numero quadrato, ad esclusione del primo elemento, corrispondente a n(n-1), e dell’elemento quadratico) e B (quello successivo al numero quadrato, ad esclusione dell’ultimo elemento = n(n+1), composti dallo stesso numero di elementi.

Tale numero di elementi dei due insiemi ovviamente è sempre uguale a n-1. Supponendo che per n si intende quel numero di partenza che si è elevato al quadrato, è facile calcolare che se n = 4, il suo quadrato è uguale a (4x4) 16 e che il numero degli elementi dei due insiemi A e B è formato da n-1 elementi, cioè 4-1, cioè 3 elementi, precisamente il 13, 14, 15 per l’insieme A e 17, 18, 19 per l’insieme B.

Dopo questa premessa ne facciamo una seconda.

Tutti i numeri interi e naturali risultano essere prodotti di coppie di fattori. I numeri primi sono sempre il prodotto di una sola coppia di fattori, cioè il numero 1 e il numero stesso. Ad esempio, il numero 7, che è numero primo, è il prodotto di 1 x 7. Quindi il 7 è prodotto dell’1 che moltiplica lo stesso 7.

I numeri composti sono prodotti da 2 o più coppie di numeri. Ad esempio: il numero 10, che è numero composto, risulta essere il prodotto della coppia 1 x 10 ed inoltre dalla coppia 2 x 5. Il numero 9, che è pure composto ed è il quadrato di 3, risulta essere il prodotto della coppia 1x 9 e della coppia 3 x 3 (cioè un numero che moltiplica sé stesso). Quindi le coppie di fattori dai quali ciascun numero è prodotto, sono uguali se esso è un numero quadrato.

Posto che n = 5, allora il numero 25 è prodotto di 2 fattori uguali, cioè 5 x 5, cioè n x n. Preso un altro numero appartenente alla stessa linea di n = 5, estremi esclusi, esso risulta sempre costituito da due fattori di cui uno inferiore e l’altro superiore a n. Ad esempio, il numero 21 è prodotto di 2 fattori diversi fra loro (3x7) di cui uno inferiore (3) e l’altro superiore (7) a n.

Quindi gli elementi numerici che si trovano lungo questa linee orizzontali hanno la caratteristica ovvia di avere coppie di fattori uguali a n per l’elemento quadratico che sta nel mezzo, mentre tutti gli altri elementi (estremi esclusi) hanno coppie di fattori di cui uno è inferiore a n e l’altro è superiore. L’elemento 22, ad esempio, oltre che essere il prodotto della coppia 1x22, essendo composto e avendo, quindi, un’altra coppia di fattori risulta essere il prodotto di 2 x 11.

Analizzando i fattori di cui sono composti i numeri appartenenti a ciascuna linea orizzontale si può notare che ciascun insieme A e B assume una caratteristica costante: osservando il fattore inferiore a n degli elementi presenti negli insiemi A e B si nota che i singoli fattori di ciascun elemento formano una ordinata scala numerica che partendo da 1 arriva fino a N-1. Ad esempio, analizzando i fattori dei singoli elementi dell’insieme A di N = 5 si nota che i rispettivi fattori di 21, 22, 23, 24, sono rispettivamente 3x7, 2x11, 1x23, 4x6, dal che si nota che i fattori più piccoli si possono ordinare in 1, 2, 3, 4.

20 – 213 – 222 – 231 – 24425

Analizzando i fattori dei singoli elementi dell’insieme B dello stesso N=5, si nota che i rispettivi fattori di 26, 27, 28, 29 sono rispettivamente 2x13, 3x9, 4x7, 1x29 dal che si nota che i fattori più piccoli si possono pure ordinare in 1, 2, 3, 4.

25 – 262 – 273 – 284 – 29130

Per ogni insieme A e B si forma, cioè, sempre e sistematicamente una sequenza di fattori inferiori a n che riflette un altro insieme T composto da un numero di elementi uguale a quello degli insiemi di A e B ordinati cronologicamente da 1 fino a n-1. Poiché il fattore 1 è caratteristica esclusiva dei numeri primi, allora si deduce che in ogni insieme A e B si trova sempre un numero primo.

Tale caratteristica degli insiemi non è però sempre così lineare come quella descritta per n = 5 (se così fosse i matematici forse si sarebbero già accorti di tale costante caratteristica) in quanto spesso presenta delle eccezioni che però, a loro volta, si spiegano con ulteriori ragionamenti deduttivi.

Cito qui, per tutti, il caso dell’insieme B di n = 4, costituito dagli elementi 17, 18, 19 in cui i rispettivi fattori sono 1x17, 2x9, 1x19. Qui sembrerebbe che il castello teorico finora costruito presenti una falla che sembra inficiare la costruzione. Una ulteriore riflessione ci consente però di superare l’ostacolo con l’ausilio della logica matematica. L’elemento 18, oltre che essere costituito dai fattori 1x18, cioè 1 per sé stesso, come tutti i numeri, ed oltre che ad essere costituito dai fattori 2 x 9, è anche costituito dai fattori 3x6. Il processo matematico dei multipli dei numeri, infatti, presenta costantemente delle confluenze di multipli di fattori diversi. In questo caso sul 18 confluiscono il multiplo del 2 e il multiplo del 3. Si noti che sia il 2 che sia il 3 sono fattori inferiori di n=4. Allora anche questo insieme B di n = 4, soddisfa la regola che in ogni insieme numerico quadratico A e B, sempre e sistematicamente, si formano una sequenza di fattori inferiori a n ordinabili cronologicamente da 1 fino a n-1 e poiché il fattore 1 è caratteristica esclusiva dei numeri primi, allora si deduce che in ogni insieme A e B si trova sempre un numero primo.

Poiché col crescere del valore di N aumenta di una unità il numero degli elementi sia dell’insieme A e sia dell’insieme B, e poiché quindi aumentano gli elementi degli insiemi A e B aventi fattori diversi da 1, i numeri primi tendono a rarefarsi (poiché all’interno degli insiemi cui appartengono, i fattori dei numeri composti sono sempre più numerosi).

Ancora un piccolo esempio: Si prenda l’insieme Ma, estremi esclusi, di n = 11, costituito dai numeri consecutivi che partendo dal 111 arrivano fino al 120. Ecco, elemento per elemento, quali sono i loro rispettivi fattori inferiori a n (=11):

1113 – 1128 – 1131 – 1146 – 1155 – 1164 – 1179 – 1182 – 1197 – 12010

Disponendo in ordine crescente i fattori inferiori a n, come per incanto appare la sequenza cronologica da 1 a 10 (1-2-3-4-5-6-7-8-9-10) cioè tutti i numeri inferiori a n = 11.

Tale teoria, che spiega qual’ è la legge matematica che regola la distribuzione dei numeri primi, è supportata da diverse dimostrazioni e anche da una serie di formule matematiche applicabili a tutti gli insiemi numerici A e B (da 1 all’infinito) che consentono di individuare quali siano i fattori minori di n superiori a 1, e, conseguentemente, alla fine del processo, di determinare quali siano gli elementi degli insiemi A e B corrispondenti ai numeri primi. Tali formule consentiranno quindi, ai programmatori informatici di velocizzare la ricerca dei numeri primi. Lo studio, assolutamente originale, mai lontanamente pensato da alcun matematico della storia, affronta anche i nuovi possibili campi di ricerca per la soluzione di congetture tutt’ora non risolte, quale la congettura di Goldbach, la congettura della infinità dei numeri gemelli e quella dei numeri perfetti.

Lo studio completo è pubblicato nel libro dal titolo “Origine e funzione dei numeri primi - Soluzione del più eccellente dilemma matematico” in rete sul sito internet www.ilmiolibro.it (dove si può leggere la prefazione e i primi passi) e sul sito de La Feltrinelli.

Materiale
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza