Servizi
Contatti

Eventi


Tempu palori aschi e maravigghi è il titolo ammaliante dell’ultima raccolta di poesie del trapanese Marco Scalabrino. Un titolo che sembra abbia intenzione di condurre il lettore lontano nel tempo, tra dame e cavalieri e forse anche streghe, draghi e fate. Una impressione che, sfogliando delle pagine a caso, può uscire rafforzata imbattendosi in testi scritti nelle lingue di Robin Hood, Guglielmo Tell, Don Chisciotte e addirittura degli antichi romani, cioè inglese, teutonico, spagnolo e latino.

Ma, scorrendo nel loro ordine le pagine, ci si accorge che queste sono le traduzioni fatte dagli amici poliglotti del poeta il quale, passo a passo, si rivela , invece, con la lingua dei siciliani, “pienamente consapevole – come dice Flora Restivo in prefazione – della dignità letteraria di un dialetto che è stata lingua ufficiale e ha dato l’input alla nascita della poesia italiana, in assoluto” “Matri | sapi d’addauru | zorba | malvasia | lu ciuri spajulatu a la to sciara | e lu ciauru | di li naschi | lu sangu | lu senziu | nun si lava chiù”.

E ci si accorge pure che il tempo, le parole, i trucioli e le meraviglie non sono datate, bensì sono estratte dalla categoria dell’universale e del perenne: “Respiru | lu ciumi | chi scinni | eternu | e ascutu | sirenu | li soi | milli | vuci”. Ma oltre che ad ascoltare Scalabrino sa anche condurre il lettore a vedere, come fosse una magnifica tela, la natura, suggerendo icastiche interpretazioni della fisica: “Dieci Agosto. | Granatu | di stiddi | chi spacca | e cadi | stanotte”.

Una bella opera che a più riprese, nel bene e nel male, invita alla riconsiderazione dell’uomo frammentato dalle sconfitte sociali e alla rivalutazione del “poco ma buono” rispetto alla apparente sovrabbondanza che disperde l’essenza: “Siddu nun curri | vucii | vinci | e nun hai facci | aremi | santi | si nun si’ primu | unu | lu megghiu…| nna stu munnu unni | siddu nun pari | nun esisti | scinnu, a li voti | a raciuppari | li mei scagghi” (Se non corri gridi vinci e non hai faccia tosta denaro santi in paradiso, se non sei il primo il numero uno il migliore… in questo mondo dove se non appari non esisti… scendo, alle volte a racimolare ciò che di me resta).

Non meraviglie o frammenti del medioevo, quindi, ma i valori dell’uomo e della natura degli altri e dei nostri giorni. Illuminante e persuasiva la ampia e dotta prefazione di Flora Restivo Cucurullo che scandaglia l’opera fin nei suoi più nascosti meandri.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza