Servizi
Contatti

Eventi


Tracce di memoria

Musicista, poeta, pittore, fotografo, cameraman, regista, botanico… Lucio Vranca è un vulcano in continua eruzione, una persona che espande il proprio magma creativo in molteplici direzioni, a seconda dell’estro e delle particolari occasioni del momento. Nato e cresciuto a Mistretta da genitori mistrettesi, abita a Finale di Pollina dove per diversi decenni, fino a pochi anni fa, ha insegnato. Sposato e padre di due figli entrambi coniugati (Giuseppe e Rosanna), Lucio da qualche anno vive l’esperienza del nonno pensionato e con la saggezza maturata sul campo di una vita sempre intensamente goduta, con spiccata propensione a una solare trama di amicizie, si gode ora le particolarissime relazioni affettive coi nipoti.

Forte del proprio bagaglio di socievoli esperienze, Lucio Vranca ha recentemente riunito in volume i frutti delle sue esperienze maturate nel corso degli anni, frutti raccolti nei vari momenti di pausa fra un impegno concluso e un altro programmato. “Tracce di memoria” è il titolo del libro che comprende una molteplicità di poesie, canzoni, aforismi, dediche, indovinelli di propria creazione, corredate da fotografie di scorci urbani, di flora, di amici e familiari nonché alcune riproduzioni artistiche di disegni in nero di china. Da questo libro riportiamo due dei tanti testi presenti.

L'amuri pi li sciuri è ddi me matri

Intra l’anniticchiu ri me matri,
nna casa unni iu japrii l’ucchiuzzi
cu tantu prieiu puru ri me patri,
mittuti n fila ccerinu i rastuzzi.

Sutta a prieula ri la giugnittina
Me matri avìa chiantati tanti ciuri
C’abbrivirava quasi ogni-mmatina
e-ccuncimava sempri cu-ll’amuri.
Quantu e quantu amuri cci mittìa
Pi-vviriri i culura ri li ciuri.
Quantu bieddu tiempu cci pirdìa
Piessiri filici tutti l’uri.

Si senti a to mancanza, matrimia,
picchì pi—ddi rastuzzi su-ddulura.
L’acqua ci arriva sulu si sbizzìa,
cu passa i-dda ripetti: “Chi sbintura!”

Li fogghi sunu sicchi e mpatidduti
e a prièula nu n fa n cuocci-racina.
Chiancinu i pisola abbannunati
E l’annitìcchiu è-cchiusu ca catina.

Oggi puozzu riri, pi-ffurtuna,
dd’amuri sanu, sanu u rasti a-mmìa
pi ciuri chi cci su nne me-barcuna
ogni matina pienzu sempri a-ttia.

Parissi na ciurera a me n firrata,
tu mi lu nzignasti e nuddu cchiù;
nnè ciuri, chi cci su tutta l’annata,
miettu u cuncimi chi mittièvi tu.

E si nun è amicu...?

L’amicu nu n ti pigghia-mmuzzicuna
e mai li spaddi n facci iddu ti runa.
Nun è spinusu cuomu li carduna
e mancu punci cuomu li lapuna.

Nun assumigghia o mulu chi s’appagna
E mancu a lu jattu cu la rugna;
supra li spaddi u pisu nu sparagna,
u cori ranni quantu na muntagna.

Ma si tu chianci e iddu fa risati
o pi na lira u cori ti scarpìsa,
sbattilu n terra e pigghilu a-ppirati
ca cu n’amicu tali appizzi a spisa…!

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza