Servizi
Contatti

Eventi


Blood Brothers. Una testimonianza di pace in Medio Oriente

Ho letto alcuni mesi fa un libro di Elias Chacour un vescovo melchita di Galilea (antichissima chiesa orientale unita alla chiesa di Roma) che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente durante un viaggio-pellegrinaggio in Israele, nel mese di ottobre 2013.

Il libro pubblicato dalla casa editrice Rubbettino, si intitola “Blood brothers – una testimonianza di pace in medioriente”, è stato tradotto in 28 lingue e il vescovo Elias Chacour è stato candidato per ben tre volte al Nobel per la pace.

Padre Elias racconta la sua straordinaria vita, il suo sofferto cammino cristiano che ha avuto e tutt’ora ha come scopo da perseguire la pace tra palestinesi ed ebrei. Appassionato costruttore di pace, insegna agli uomini e alle donne di tutto il mondo che la pace è un obiettivo da raggiungere non solo in un futuro possibile ma adesso nella realtà di oggi.

Tutti dovrebbero lavorare, lottare e pregare per la pace tra palestinesi ed ebrei ed anche per la pace in tutto il mondo, insanguinato in tante parti da guerre assurde e fratricide. Su padre Elias e sulle vicende raccontate nel libro “Blood brothers” (fratelli di sangue) è stato girato il film “Prophet in his own country”.

È un libro avvincente che consiglio di leggere, non solo agli operatori di pace, ma a tutti gli uomini e donne di buona volontà perché il messaggio che trasmette, vissuto e sofferto, è grandioso e contribuisce moltissimo alla lotta per il raggiungimento della pace non solo tra palestinesi ed ebrei ma per la pace in tutto il mondo, anche se può sembrare un’utopia.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza