Servizi
Contatti

Eventi


Luce campestre

La silloge recensita raccoglie testi tratti da alcuni tra i numerosi libri scritti da Maurizio Zanon.

La luce viene qualificata come campestre per tema prevalente, dacché la luce che in natura splende occupa la maggior parte delle immagini offerte da queste poesie, che quale fonte luminosa contemplano anche la spiritualità e l’amore.

Riportiamo uno dei testi inseriti nel volume:

Un sogno di vento lo stare qui al sole!
Il cuore detta le sue regole
sotto l’onda che incalza lo scoglio
e fragorosa si schiuma e profuma
al ritmo di baci salsi d’amore.

In esso sono presenti molti dei segni distintivi che caratterizzano la scrittura di Zanon.

L’utilizzo di figure retoriche complesse (ad es. l’ipallage “sogno di vento” in primo verso) che alimentano, per contro, immagini di immediata percezione. Un uso della metrica consapevole e ponderato (v. i due endecasillabi al penultimo e ultimo verso) e l’inserimento, all’interno di un dettato lineare e cristallino, di vocaboli non consueti e di vaga corrispondenza onomatopeica (“”si schiuma”, “salsi”). Il tutto a formare una tessitura allo stesso tempo sofisticata e semplice, come nelle migliori espressioni letterarie della nostra tradizione.

Se alle caratteristiche formali che marcano l’opera di Zanon uniamo la profonda adesione al sentimento e alla natura, che spesso accompagna gli animi più dediti alla meditazione e alla trascendenza, otteniamo una sintesi dell’arte letteraria del nostro autore, che consacra, è proprio il caso di dirlo, alla poesia la sua disposizione verso il prossimo e verso la realtà, sempre e comunque attraversata da una luce che, da qualsiasi altitudine provenga, contempla comunque un’origine che nella poesia stessa viene celebrata.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza