Servizi
Contatti

Eventi


Poesie prose e jazz

Il volume presentato si divide in tre sezioni: una prima di poesie, la seconda in prosa ed infine una serie di scritti attorno al jazz, attività professionale e artistica cui l’autore ha dedicato la propria vita.

Ad animare ogni scritto sono due poli apparentemente distanti: il quotidiano (ordinario) e l’afflato religioso, che l’autore celebra omaggiando ogni manifestazione, in particolare le più normali, del divino.

A ben vedere, tuttavia, la parola terrena dialoga con la dimensione spirituale attraverso il riflesso che il cielo offre ogni volta che la luce illumina. È la semplicità del dialogo e la consapevolezza della propria fede che permette a Castelli di non temere pudori, veli alla propria invocazione: “Forse sarebbe troppo / o Dio, ch’io ti facessi giungere / i sensi del mio affetto?”. Non deve interpretarsi la postura autoriale quale sfida blasfema, dacché veramente il nostro interroga il divino e partecipa aderendo con sincerità al grande mistero della vita: “Anche / quando il pino di Napoli morì / nascosto piansi”.

Nelle prose ritroviamo la stessa celebrazione del creato sulla scorta di un francescanesimo moderno; e ancora pagine diaristiche relative a luoghi abitati nel continuo viaggio in accordo alla musica e ai suoi dettami, o comunque volti a restituire a spazi, cose e circostanze una dignità che vada oltre il ricordo. Questa cura dell’ordinario è un esercizio che nobilita l’esperienza umana e con essa, per chi crede, l’origine di tale esperienza. Una sorta di memoriale costituito da brevi narrazioni in ci vengono “fotografati” episodi tratti dalle varie permanenze in giro per il mondo vissute dall’autore grazie e in ragione del suo mestiere di musicista.

E proprio un apparato fotografico chiude il volume, lasciando all’iconografia il compito di terminare il viaggio, oltre le parole e prima che la musica, di nuovo, ricominci.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza