Servizi
Contatti

Eventi


Tutto è oltre…

Nella lettura della voluminosa raccolta di Genoveffa Pomina in prima battuta non deve ingannare il titolo. “Tutto è oltre…”, ma non al di fuori di questo mondo.

La stessa Pomina ci avverte in un testo di apparato prima del corpus vero e proprio: “bisogna essere prima di tutto ispirati”, “poi occorre inciampare su un oggetto”. E scorrendo l’indice gli oggetti non mancano, tra i testi di questo libro: “Luci di seppia”, “Sciarpe di seta”, “Vecchio telone” etc., così come non mancano le emozioni e le sensazioni evocate da quegli oggetti: “Dove affiorano i ricordi”, “Percezioni”, “Istante chiamato vita”. Dobbiamo necessariamente richiamare alla memoria il correlativo oggettivo indicato da Eliot e incarnato nella poesia montaliana.

Del resto i riferimenti a Montale si trovano anche nel frequente richiamo di questa poesia all’occasione di apertura al senso che il reale ci offre. Leggiamo, in altro testo anteposto alla raccolta vera e proprio, un richiamo alle occasioni perdute. Ma la poesia riscatta ed ecco che soffermandoci ancora sul titolo scopriamo che “oltre” non è uno stato in luogo, bensì, come nel testo omonimo inserito nel libro, una modalità di approccio alla conoscenza”Va oltre la mente che impara a non fidarsi”; di cosa? Del primo sembiante, del grado zero.

Oltre i sette veli, è ancora la stessa autrice ad indicare al lettore la via per la conoscenza, sta la verità che altro non è se non reazione, rispondenza verso ciò che accade. E certamente può anche leggersi questa raccolta come invito alla conoscenza, intesa come esperienza dell’emozione e della percezione. Quasi un paradossale suggerimento a non fermarsi sulla pagina, ma ad immergersi tra le pieghe della vita che lì viene scritta la nostra esistenza. Non a caso una poesia di Tagore citata dalla Pomina evoca in ciò che sta vicino (cit. “Apri le porte e guardati intorno”) la vera essenza di ciò che la poesia può solo echeggiare. Così leggeremmo questi versi, come una spia, un prolifico e fruttuoso prontuario.

Recensione
Literary © 1997-2018 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza