Servizi
Contatti


Venezia e i Turchi

Bruna Mozzi dedica il suo studio ad uno dei confronti più combattuti e avvincenti dell’epopea mercantile: quello tra la Repubblica di Venezia e l’Impero Ottomano.

Laddove la città dei dogi dominava il Mediterraneo, tanto da imporsi come potenza economica dei traffici marittimi e non solo e da esportare il proprio dialetto come lingua di comune accordo, alla stregua del moderno inglese, le mire espansionistiche turche trovavano una doppia resistenza: esternamente si contrapponevano agli Ottomani le forze del Sacro Romano Impero. Internamente l’esigenza di non soccombere a livello commerciale obbligava la Turchia a stringere rapporti con Venezia, che pure avversava e con la quale, ciò nonostante, tenne innumerevoli conflitti. La stessa Venezia, d’altronde, doveva mantenere aperta la porta con l‘Oriente. E’ quindi una commistione di toni, politici, commerciali, culturali, religiosi, di costume, che compone il quadro a tinte forti che ritrae uno dei confronti e dei compromessi più avvincenti tra Oriente ed Occidente, oggi tanto così attuale da rendere ancor più significativa la lettura di questo saggio, di per sé estremamente documentato e interessante.

Su piani e in contesti differenti, si può trarre più di un’analogia rispetto alla situazione attuale, contraddistinta da tanti e tali contraddizioni. Se alle stoffe e alle spezie sostituiamo il petrolio si vede bene come affondino nella storia medesime istanze, distanze e prossimità.

Certo gli episodi narrati, ma soprattutto la diversa temperie - ottimamente restituita al lettore, immerge nel suggestivo affresco in movimento che la Mozzi ha dipinto nel suo libro. A maggior ragione, quindi, possiamo apprezzare il senso di contemporaneità che ci coglie quando solleviamo lo sguardo dalla lettura. Probabilmente l’autrice, nell’approcciare questa avventura in forma di saggio, ha seguito le proprie inclinazioni e la propria passione verso i temi trattati, e tuttavia sappiamo, citando Friedrich Schiller, come lo storico sia un profeta che guarda all’indietro. Leggiamo dunque il nostro futuro tra queste pagine, che così approfonditamente illuminano il nostro passato remoto.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza