Servizi
Contatti

Eventi


La giovane scrittrice udinese Claudia Manuela Turco ha recentemente pubblicato il libro di poesie L'età dell'oro e della ruggine, con presentazione di Domenico Cara, che fra l'altro annota: "questa poesia, per più simboli e specchi d'opera, non teme le verità naturali, sia perché non è derivata dal lungo corso delle mode, né da manifesti e slogan pretestuali, sia perché la rapida dosatura reca con la sostanza esibita una notevole e decisa volontà di esaltazione dell'esistenza, sottolineata da rituali di danza, a effetto madrigalesco, con episodi incorporati al gioco dei nodi problematici e in lingua ripresa dalle visioni. in cambio di tutto, persino delle memorie che la mente ospita nell'album dei ricordi, e dove si ha puntualmente notizia di ciò che anima l'indecifrabile e le incertezze dei poetici segreti [...]". Si tratta di una poesia che si apre at racconto e che si organizza per discorsi chiaramente direzionati, orientati verso l'orizzonte di approdo individuato, di una sentenza, una conquista della conoscenza, della ragione o più semplicemente verso un'estetica sottolineatura del proprio sentire. Si può discettare con ragionevolezza di una componente etica o anche soltanto avvalorativa e rivelativa di intenti di documentazione se non anche di promozione del processo pedagogico: e una poesia che organizza e orienta il nostro sapere. Negli intenti di poetica della scrittrice, si legge che la sua poesia "intende rivendicare uno spazio autonomo alla vita della parola e al valore dell'immaginazione, dell'archeologia di un ritmo epigrafico moltiplicato nell'interrotto dialogo con se stessi". Turco ha già pubblicato Frecce di luce, nel 2003; Il giardino dei coralli e Dalla caduta della Serenissima alla Seconda Guerra Mondiale, entrambi net 2004.

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza