Servizi
Contatti

Eventi


La scrittrice palermitana Francesca Luzzio, autrice di saggi e racconti, č giunta a pubblicare il suo terzo libro di poesia. Poesie come dialoghi. che esce dopo Cielo grigio, 1994, e Ripercussioni esistenziali, 2005. Giorgio Bárberi Squarotti ha sottolineato l'originalitŕ delle forme dialogate, in cui si ritrovano "sempre la riflessione, il pensiero, l'alta spiritualitŕ... Franca Alaimo, che ha scritto la prefazione all'ultimo libro. parla di "uno stile nutrito da molta cultura letteraria e filosofica". In effetti; si tratta di una poesia che si colloca sul versante connotativo, raziocinante e riflessivo, molto lontano dalle estasi liriche o dai viaggi orfici.

Quella di Francesca Luzzio č una poesia d'inquisizione e di riflessione, scavata intorno alla nozione dell'io come personaggio autonomo e irripetibile del mondo, e al dramma della sua evanescenza dubitativa e pluriespressiva. La profonditŕ delle forme possibili dell'io e realizzata attraverso una sorta di vista binaria ovvero di dialogo con un presumibile alterego che contrasta le asserzioni dell'io protagonista e che si alterna con lui nel ruolo inquirente. Ne deriva una rappresentazione dell'io che appare vista e rivista, cioč contrastata e approfondita su ogni terra dibattuto. Inoltre, si tratta di un io a specchio, in quanto la fisionomia č costruita proiettandola sullo schermo del mondo contemporaneo, in una precisa connotazione di spazio e di tempo. Nel complesso, quella di Francesca Luzzio č una poesia ricca di innovazione e di contenuto. che si segnala non solo per l'alta cultura che smuove, ma anche per l'originalitŕ delle forme.

Recensione
Literary © 1997-2024 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza