Servizi
Contatti

Eventi


Gabriella Frenna è dotata di grande voglia di fare e realizzare e il suo interesse non si concentra soltanto sulla poesia, dalla quale emerge profonda sensibilità lirica, ma anche sulla critica.

A parte le numerose recensioni pubblicate sulle più autorevoli riviste culturali in voga, ella si cimenta nella elaborazione di saggi e monografie di artisti contemporanei al fine di farne conoscere vita, arte, pensiero. Degne di rilievo le opere La serie dello zodiaco nell'arte musiva e L'eremo Italico. Nella prima la scrittrice riesce a cogliere, e ad evidenziare, con acuto spirito critico, le motivazioni intrinseche, il significato metaforico e il messaggio che l'autore (suo padre Michele Frenna, uno dei più noti mosaicisti contemporanei) ha voluto lanciare; nella seconda viene descritto l'angolo idillico in cui la natura ha raccolto le meraviglie dell'eden primordiale, ossia il luogo d'ispirazione di Carmine Manzi, l'artista poliedrico famoso per la sua delicata e alta poesia, i suoi scritti in prosa e saggi critici non solo, anche per la sua vasta produzione letteraria.

L'anima lirica e storica di Brandisio Andolfi è un testo completo redatto con ordine e precisione. La saggista s'è premurata di raccogliere dati e informazioni e condurre una disamina accurata delle opere dell'Andolfi. Nessun particolare, pertanto, è stato trascurato.

L'analisi esegetica procede per gradi: Brandisio Andolfi nella lirica, Brandisio Andolfi nella estetica, Brandisio Andolfi "storico". Per quanto concerne la lirica così Gabriella si esprime: «Andolfi racconta i sentimenti e le sofferenze dell'animo, rivela le passioni, interroga sul destino dell'uomo..., pone la sua attenzione sull'ambiente con particolare riguardo ai rapporti umani». Così circa l'estetica: «L'oggetto dell'estetica, parte della filosofia che tocca l'aspetto del bello e dell'arte, è il sentire e il sensibile... L'estetica di Andolfi è soggettiva, rappresenta la quotidianità, evidenzia quel trascendimento per cui la poesia acquisisce una dimensione più intima».

E per l'Andolfi storico, l'autrice cita il saggio Muzio Attendolo Sforza nel quale lo scrittore rivela la sua perspicacia nel «presentare un gran condottiero, nell'evidenziarne le doti, il coraggio in battaglia e la strategia militare, nel descrivere, nei dettagli, i tempi in cui si svolsero gli avvenimenti».

Infine sono riportate alcune testimonianze di opere di autori viventi che Andolfi ha recensito e stralci di giudizi critici espressi su di lui da note personalità della cultura. Importante il lavoro compiuto dalla Nostra e utile per chi voglia documentarsi su "un lirico, un critico, uno storico" degno di essere inserito tra gli autori della letteratura contemporanea.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza