Servizi
Contatti

Eventi


L'attimo e l'infinito

Pietro Nigro è uomo e poeta di grande, profonda sensibilità. Il suo sguardo interiore va oltre l’effimero, oltre il caduco della realtà e d’essa coglie quel senso di vitale, e d’eterno, che la contraddistingue nel suo più alto significato. Sua guida, e fonte costante d’ispirazione, è la poesia, una poesia dolce e discreta, romantica e melodiosa ch’esplode in presenza di angoli idillici della natura, “d’una notte che ti assomiglia”, d’un cielo cosparso di stelle e ornato da una flebile falce di luna, d’un mare in dormiveglia nel quale si specchiano i colori iridati del tramonto, d’un amore corrisposto, di speranze non deluse, “di speranze d’armonie di cieli ignoti”, d’un gesto umanitario o di giustizia… La poesia ha valore salvifico, indebolisce gli istinti bellici, genera la pace. “Muore la poesia / se non procacci speranze di voli supremi / … se alimenti sterili vanità / … se non hai chimere da coltivare”.

Il poeta lamenta il noioso presente, “questo instabile presente / mescolanza… di attimi / che sempre si ripetono”, rimpiange il passato che rivive nostalgico nei ricordi, esalta la bellezza della sua “terra di Sicilia”, ode “levarsi dai rovi / il canto soffocato di uomini duri / come scorza d’ulivi”, d’una “terra dimenticatadi cui si augura di sentire, un giorno, “levarsi un canto di riscatto / di uomini liberi / al soffio di una tiepida brezza marina”. Con la Sicilia il suo pensiero corre a tutto il Sud, alla sua antica povertà, ai “sapori di campagna tra miasmi solfidrici”. Se potesse fare qualcosa per “tramutare case di serpi in terra d’aranci”, se potesse respirare ancora “aromi di pane secco / d’olive e di menta!”.

Quanto realismo traspare dai versi! E quanta sofferenza, quanto rancore emergono dall’animo suo per l’indifferenza di chi potrebbe e dovrebbe occuparsi di una terra “abbandonata da Dio e dagli uomini”, ma coltiva solo interessi personali.

Recensione
Literary © 1997-2017 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza