Servizi
Contatti

Eventi


Mistretta e Maria Messina: un legame secolare

È proprio vero che solo gli artisti, gli scrittori, i poeti noti, tutti coloro che si sono distinti in qualche modo e fatti conoscere per le loro opere meritano di trasmettere il loro nome ai posteri, di essere ricordati e immortalati? Non solo loro.

Vi sono personaggi validi, più di quanti sono sulla cresta dell’onda, ma sconosciuti perche non hanno cercato di mettersi in mostra, non si sono affidati alla sponsorizzazione: sono rimasti nell’ombra, al di fuori dell’ambizione e dell’apparire, si sono preoccupati solo di produrre opere che avevano il marchio della loro anima. Tanti ve ne sono.

Dovrebbero, questi, o altri per essi, scoprire le loro produzioni artistiche, renderle note,arricchirne la cultura per il bene dell’umanità. Per quanto tempo Maria Messina e rimasta sconosciuta? Qualcuno, infine, s’è accorto di lei, s’è reso conto della sua bravura, della validità delle sue novelle e s’è messo in moto per assegnarle il posto che le spettava, che le spetta nel mondo letterario.

Nata a Palermo e vissuta in Toscana, a Pistoia, dove si spense all’età di cinquantasette anni, trascorse un quinquennio a Mistretta ed ebbe modo di conoscere l’ambiente, gli usi e costumi della popolazione. Descrisse tutte le conoscenze acquisite nelle novelle. In queste si sono riconosciuti gli abitanti di Mistretta, le sono stati grati e hanno voluto onorarla in tanti modi: hanno istituito un concorso nazionale a suo nome, le hanno intestato una strada, le hanno assegnato la cittadinanza onoraria,hanno fatto trasferire le sue spoglie dal cimitero di Pistoia a quello monumentale di Mistretta.

Il libro di Filippo Giordano riporta tutte le notizie che riguardano la nostra scrittrice non solo anche tre novelle e un cospicuo numero di foto che integrano la biografia e arricchiscono il testo.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza