Servizi
Contatti

Eventi


Al levar de la luna
                    poesie nel dialetto della Bassa Veronese

Il ricordo è poesia,
la poesia non è se non ricordo

Giovanni Pascoli)

Eccoci qui a verificare questa teoria del ricordo, nei versi riuniti da Lucia Beltrame Menini in questa breve raccolta. Non importa in quale lingua: ciò che conta è che si possa avere la percezione della capacità di trasmettere emozione da parte del poeta, per mezzo del suo linguaggio.

Un linguaggio che, in questo caso, conferma quanto necessario sia il poeta per la sopravvivenza stessa del dialetto o dell’idioletto. Ed è proprio in questo senso che nasce l’esigenza di ritrovarsi in una specie di colloquio con la propria anima, tutta tesa ad esaminare percorsi compiuti o da compiere sulla strada della vita.

Ogni componimento offre una sincerità totale che mette a nudo la sfera dei sentimenti, immersi in un vissuto capace di rendere presenti tempi, persone e luoghi in qualche modo legati alla propria infanzia o all’età della sopraggiunta maturità.

Così, nell’era delle trasformazioni rapide, delle solitudini diffuse, dei balbettii di comunicazione, ad un certo punto della propria esistenza, dopo la nostalgia di A pié descalzi (precedente raccolta poetica della stessa autrice, sempre in dialetto), compaiono prepotenti questi segnali di indagine, favoriti dal momento romantico e affascinante del sorgere dell’astro lunare, per dare vita ad un’intima armonia tra ricordo, constatazione e domanda.

Solo la lingua del cuore, il proprio dialetto della Bassa poteva assecondare il bisogno interiore di prendere piena coscienza di sé. Solo il linguaggio scandito dalle parole amate, quello che ti fa sentire bene anche quando, queste, sono amare, il linguaggio ricco di timbri particolari, di troncamenti e sonorità proprie, ha permesso all’autrice di modulare queste sue nuove emozioni.

Il titolo del libro, Al levar de la luna, più che da uno specifico testo, pare provenire da uno status quo ante, cioè legato ad uno stato d’animo consequenziale, dopo la pubblicazione del libro Quando el sole va in catinora…

Al sorgere della luna i pensieri si coprono di luce, entrano in fibrillazione, si amplifica la sfera emozionale del vissuto e degli eventi che hanno lasciato una traccia profonda dentro noi; nello stesso tempo si accendono i sogni, l’immaginario e le speranze.

Con la sensibilità che contraddistingue Lucia Beltrame Menini, il percorso della silloge si snoda nelle due sezioni, partendo dalla ricerca del proprio essere e delle proprie radici, per giungere poi a confrontarsi con la realtà della vita e con situazioni contingenti del momento storico e sociale. Tutto, con una scrittura ricca di toni cromatici e che tiene conto della forma espressiva e, quindi, della funzione organizzata della metrica, accanto al verso libero. Continua così, per noi, il privilegio del dono, quale è la poesia, insieme alla preziosità del messaggio non solo poetico dell’autrice.

Al levar de la luna

poesie nel dialetto della Bassa Veronese

Recensione
Literary © 1997-2019 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza