Servizi
Contatti

Eventi


La nostra Autrice, Antonia Izzi Rufo, ancora una volta si presenta a noi con un importante ed impegnativo testo poetico, Donna edito dalle Edizioni Eva nella Collana diretta da Gerardo Vacana “Stella Verde” con testo greco a fronte di Costas M. Stamatis. Ed anche questa volta è stato per me scrivente, una nuova scoperta; perché in questa affascinante raccolta così minuta, la Izzi Rufo, adotta un linguaggio singolare ed immediato, che nella sua resa formale, è molto interessante ed efficace, proprio per la sua immediatezza comunicativa.

Interessante, perché parla della donna e delle sue problematiche, del suo modo di sentirsi e di realizzarsi nell’universo tutto suo e, che nell’imo, contempla, gioisce e stupisce. Efficace, perché annovera nel suo dettato poetico: sogni, nostalgie, impotenze e vittorie.

La sua poesia è vera, è poesia che colpisce, perché emoziona, e porta il lettore a riflettere su tanti aspetti, aiuta anche a superare realisticamente le incertezze della vita. Poesie le sue, che aiutano l’anima a non morire, ma a rinascere e a gioire. Ascoltare, annotare, scrivere, sono fasi che aiutano a vincere in modo sapiente il silenzio, la solitudine, la malinconia e le tante cose che non si dicono, che non vorresti dire, e che ti porti dentro; ma la poesia è l’unico tramite che estrapola l’anima dai flutti per farla riemergere saggia e viva sulla pagina che prende forma, anzi, prende voce.

Anche non vedendola, immagino il suo viso, – quello della nostra poetessa – che s’illumina e riflette la sua anima gentile, allorquando inizia a comporre tra il silenzio, le nuvole e il vento, andando alla ricerca del pentagramma della sua vita che dolce le ritorna come un’eco che va facendosi sempre più struggente per entrare nei nostri cuori. Nel suo avvenente poetare, vi ho trovato l’ampio respiro del lessico dell’autorevolezza che, giocando con parole tenui e sincere, riesce ad esporre con molta chiarezza il suo stato d’animo e il suo modo di essere donna e poetessa.

Le sue tante esposizioni sia poetiche che letterarie, sono pregne del suo grande bagaglio culturale, un bagaglio molto apprezzato dalla grande critica nazionale ed estera, la quale le ha tributato il giusto riconoscimento negli anni. Termino con un pensiero dell’allora Karol Wojtyla: Voglio andare da tutti: da coloro che pregano, dal malato, dagli oppressi, dagli umiliati, dappertutto. E con questa sua raccolta di poesia, Antonia Izzi Rufo, è andata dappertutto, non solo dalle donne.

Recensione
Literary © 1997-2022 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Cookie - Gerenza