Servizi
Contatti

Eventi


Dove comincia il cielo

Critico e narratore, poeta e studioso di poesia in lingua e neodialettale italiana. (I suoi saggi in questo versante sono un punto irrinunciabile per chi voglia studiare, per esempio, i poeti in dialetto romagnoli), Pietro Civitareale è in libreria con un romanzo breve, Dove comincia il cielo per Rossopietra (2021).

Racconto di un rapporto a due, forse a tre, ma, come è nelle belle corde di un autore singolare e di spessore, soprattutto pensamenti di un ritorno a sé, molto malato, tramite lettera di una donna amata, e a come si dispiegano la vita e l’esistenza, a come ci si può e deve interrogare su quel che càpita o che si sceglie o da cui si fugge per evitare compromissioni sull’amore e sulla relazione con le persone. Una riflessione peraltro su che cosa, chi scrive, cerchi nella scrittura, che cosa voglia da essa: «...una sorta di riparazione psicologica e sentimentale».

Un filo sottile percorre Dove comincia il cielo: l’analisi di un sé che, nel volere vicinanze, evita e schiva la vicinanza stessa, accorgendosi, però, solo dopo, solo cioè con l’analisi dell’accaduto, che cosa avrebbe potuto essere e non è stato, che cosa è stato e sarebbe potuto andare diversamente.

Nel ripercorrere la strada che ha determinato una data situazione il protagonista adopera anche le sue conoscenze filosofiche e culturali, le letture (magari senza nominarle, ma Erasmo da Rotterdam è ben indicato) che lo hanno formato: se a giustificazione del suo operato, spesso in rimessa o fatto di rinunce, o come alibi offerto all’intelletto in veste di virtù, è tutto da indagare con il piacere della scoperta, mai portata a compimento o a volte invece confermata per difesa, di un “chi sono io”, con la tenera pretesa di una riconciliazione con la propria mortalità.

Il libro si legge d’un fiato, iniziando con il concetto del tempo che passa e che avvicina alla fine, peraltro insita e prevista nella malattia del protagonista, e procedendo, in un dialogo con l’amico Paolino, su constatazioni maschili (maschiliste, da parte dell’amico) sulle donne, sulla donna, sulle vivenze sociali, sui cambiamenti, gli atteggiamenti, gli usi e le usanze…

Ecco, entra in scena Letizia, la donna di una storia, l’unica storia importante, finita ma non sepolta. Ma Letizia affida la lettera a Paolino: cosa che la dice lunga sulla difficoltà di un vero interscambio, sulla impossibilità di liberare da lacci una umanità, di rendere chiare le coordinate dei legami. Eccetera.

Il ritorno virtuale di Letizia apre ai ricordi, di loro due e degli anni fuori di loro. Leggero il canale narrativo. Poetico, quando affiorano odori e sapori reali. Allargato, quando arriva la diversità dei costumi e dei comportamenti sessuali.

Tutta una sensualità e, di converso, un desiderio di serenità, ìmpari essendo la sessualità del protagonista e della donna, appartiene al passato, perché ora, a linee tirate e parentesi chiuse, si sta intravvedendo dove comincia il cielo: la riflessione “riprende”, del passato, il suo perché tanto ineludibile quanto irrisolto, e dello stato attuale (la malattia) il senso da ricapare nelle ragioni profonde, inconoscibili, della vita e dei suoi risvolti, rileggendo perfino lunghe pagine di diario, già allora, con le stesse domande. Perché forse «all’uomo è consentito, al massimo, d’azzardare qualche riflessione sugli aspetti finalistici dell’esistenza e sul fatto che la vita di ognuno non è una vita solitaria...».

E gli sono consentiti i sogni, evasione o finalità. I sogni, d’altronde, per metà hanno natura surreale e inconscia e per metà sono pieni di illusioni a occhi aperti. E allora: si vive seguendo i sogni? Si fugge inseguendo altro? Si resta illudendosi che…? O forse solo i sogni permettono di vivere: «...chi rinuncia ai propri sogni, arrendendosi, è costretto a morire. Ègià morto nello spirito ancor prima che lo sia nel corpo». Il cielo, esso pure forse, comincia dove finiscono o iniziano i sogni.

Recensione
Literary © 1997-2021 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza