Servizi
Contatti

Eventi


Per sillabe e lame

C’è una valenza primaria e assoluta che agisce nel profondo di Francesca Simonetti prima ancora che nella sua poesia: la forza della vita. E la cosa si dichiara nel suo libro, Per sillabe e lame, che è tutto attraversato dalla parallela molteplice presenza di figure vitali (familiari, per legami di sangue o di affetto, ma anche per via di fratellanza letteraria, come nel caso di Herta Muller o Katarina Frostenson). Figure che sono altrettanti simboli, in riferimento alla sentita necessità di un’etica positiva della vita espressa anche in termini filosofici, come opportunamente mette in luce il prefatore.

Una poesia, quella di Francesca Simonetti, dalla cadenza musicale giocata sulle rime e sulle assonanze, teneramente inscritta dentro la sfera del riecheggiamento e che affida la sua cantabilità a una trasposizione come dirottata dall’ironia, spesso destinata ai bersagli di valenza opportunamente civile, per cui accade appunto che certe sillabe diventino lame.

Il poeta si rende conto che le parole che contano arrivano quando decidono loro e bisogna essere pronti a coglierle, sapendo che quanto più sono importanti tanto più si fissano nella mente e nella memoria. I personali itinerari e labirinti mentali sono pieni, insieme, di ragguagli minimi di una realtà quotidiana di contatti e di rapporti e dei riferimenti privilegiati alle figure portanti, con tutte le sfumature e tutti i colori che si affacciano in ogni esistenza.

È in questo intreccio di dati della realtà e di interferenze intellettuali che si configura l’aspetto originale di Per sillabe e lame in una condizione costantemente tenuta in bilico tra due versanti, quelli pensati e quelli vissuti, in una fusione felice, nella piena consapevolezza che la vita ci irrobustisce mentre ci cambia ad ogni istante.

Recensione
Literary © 1997-2020 - Issn 1971-9175 - Libraria Padovana Editrice - P.I. IT02493400283 - Privacy - Gerenza